Non è certo nuovo alle polemiche contro allarmisti e negazionisti dell’emergenza Coronavirus Matteo Bassetti, infettivologo e direttore della Clinica Malattie Infettive dell’Ospedale San Martino di Genova intervenuto nuovamente in queste ore sulla situazione contagi. Bassetti, analizzando i ricoveri, ha spiegato perché non ci sarebbe da preoccuparsi più di tanto rispetto ai mesi scorsi, quando l’epidemia dilagava.

“E’ vero che rispetto a qualche settimana fa torniamo a vedere nei reparti pazienti anziani colpiti da Sars-CoV-2 – ha spiegato all’AdnKronos Salute l’infettivologo -. Questo perché sono quelli più fragili e perché il virus può far precipitare situazioni preesistenti, ovvero soggetti con diabete, cardiopatie, problemi respiratori, chi segue multi-terapie. In persone in là con gli anni la patologia ha un impatto diverso”. Tuttavia la malattia oggi ha un mortalità decisamente più bassa, dello 0,4 – 0,6%, e nel 99,6% dei casi si guarisce, ha poi precisato Bassetti.

Secondo l’infettivologo, “c’è stato un lieve rialzo dell’età media dei positivi dovuta all’effetto delle vacanze: sono i giovani che si sono spostati di più e per questo sono stati più esposti al virus”, portandolo poi anche in famiglia. “Ma ad essere mutata è esclusivamente l’età dei contagiati e non dei pazienti – osserva – Io ricovero solo ultra 80enni con, fortunatamente, una situazione clinica diversa da quella di marzo-aprile e non ho decessi da tempo, fa sapere. “Su 40mila contagi solo il 5% ha bisogno di cure. Nei mesi caldi dell’emergenza avevamo picchi di 25-30% dei positivi che necessitava di cure in terapia intensiva”. Come mai? “Facciamo più tamponi e poi è ormai chiaro che la letalità del virus si è ridotta”, ha ribadito l’esperto.

Da qui la proposta di Bassetti, come ha scritto lui stesso sulla sua pagina Facebook, di ridurre i tempi della quarantena“Siamo circondati da Paesi in cui la quarantena per Covid è inferiore a 14 giorni: Francia 7, Svizzera 10, Austria 10 e Slovenia 10. Molti di questi Paesi stanno addirittura pensando ad una ulteriore riduzione con un acceso dibattito tra Svizzera e Germania per arrivare a 5 giorni. Io continuo a pensare che si potrebbe ridurre a 7 con tampone in uscita o direttamente a 10 (come tutti gli altri confinanti) senza nessun tampone. E so che ci sono molti colleghi che la pensano come me”.

 

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Facebook/MatteoBassetti


Il soprano Anna Netrebko positiva al Coronavirus, ricoverata in ospedale per un principio di polmonite

Classifica Spotify, week 37: Blanco e Salem Ilese virali. Maluma e Emma Muscat cavalcano l’onda latina che travolge Emma Marrone