Mentre sull’attesa Fase 2 tarda il Dpcm in arrivo forse in serata o più probabilmente domani, il Premier Giuseppe Conte da una parte si confronta sulla ripartenza con la task force, dall’altra invece prepara anche un piano B da adottare qualora lo stop al lockdown si rivelasse scelta troppo anticipata.

Il Presidente del Consiglio, infatti, in accordo con comitato scientifico e task force, preparerà anche un piano pronto ad entrare in vigore qualora il Covid-19 si ‘risvegliasse’ dopo l’allentamento del  lockdown. L’ipotesi più probabile è quella che se tornassero a salire i contagi dopo il 4 maggio si provvederebbe a una nuova chiusura, che non sarebbe in questo caso totale ma territoriale, destinata dunque a quelle aree del Paese dove il Covid-19 registrasse una risalita.

A proposito del nuovo Dpcm, per il quale bisognerà ancora attendere alcune ore, i dati che sembrano certi riguardano la manovra di aprile che muoverà 150 miliardi di euro. 55 miliardi in deficit, 12 di pagamenti dei debiti delle P.a., 30 miliardi a copertura delle garanzie sulla liquidità per le imprese, 50 miliardi per il sostegno alle attività e il restante destinato a una serie di stanziamenti che non incidono sull’indebitamento ma sul saldo netto da finanziare.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Foto Valerio Portelli/LaPresse

TAG:
Covid- 19 Dpcm Giuseppe Conte lockdown Premier

ultimo aggiornamento: 26-04-2020


Tosca canta Mameli per la Croce Rossa e per un nuova Liberazione – VIDEO

Boom di adesioni al Festival Day del 30 aprile su OA Plus a sostegno della Musica, imprese, operatori e lavoratori del mondo dello spettacolo