Dopo due settimane di misure restrittive per le Regioni rosse e arancioni, potrebbero essere possibili, dal 20 novembre, “allentamenti per alcune aree, ma questa cosa va ancora stabilita”. Lo riporta una fonte del governo sentita dall’agenzia Ansa che sembra aprire, anche se con estrema cautela, alla speranza per i territori più penalizzati dalle norme anti-Covid di poter tornare quanto prima alla normalità.

Le prime Regioni a essere sottoposte a nuova valutazione saranno le prime a essere state dichiarate “rosse”, ossia Lombardia, Piemonte, Calabria, Valle d’Aosta ed Alto Adige. La pressione delle categorie produttive – specie ristoratori e commercianti – sui presidenti di Regioni si stanno facendo sempre più forti affinché si agisca sul governo per fargli allentare il più presto possibile la stretta anti-Covid. Si conta di ottenere cambiamenti di fascia dal ministero della Salute anche prima del nuovo Dpcm che dopo il 3 dicembre definirà le regole per le feste natalizie.
Tuttavia l’ultimo Dpcm prevede dei tempi ben precisi, che il ministro della Salute Roberto Speranza sembra intenzionato a far rispettare senza deroghe. La sottosegretaria Sandra Zampa conferma che l’obiettivo del governo è proseguire “con il modello “delle tre fasce, rossa, arancione e gialla”, mentre viene di nuovo escluso un lockdown totale come quello varato ieri sera in Austria.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

TAG:
colori Coronavirus Regioni

ultimo aggiornamento: 17-11-2020


Fedez e Chiara Ferragni premiati con l’Ambrogino d’oro

Vede morire l’amico runner, e si prende anche una multa da 400 euro