Trovata cucciola, aggrappata alla mamma uccisa dai bracconieri, era diventata una star per via della foto-selfie

Addio Ndakasi

Si è spenta Ndakasi, la gorilla di montagna divenuta celebre per la foto-selfie. L’animale, ospite del “Virunga National Park” (Congo), è morto abbracciato al “padre umano”, André Bauma, che l’accudiva dal 2007. Il suo ritrovamento indusse le autorità a fermare la caccia di frodo e da allora gli esemplari sono proliferati. Celebre lo scatto, divenuto virale, che la ritraeva con la compagna Ndeze e un ranger del parco (fece il giro del mondo nel 2019).

Ndakasi è deceduta lo scorso 26 settembre dopo una lunga malattia, ma solo ora la notizia è stata diffusa dalla direzione del parco.

“È con tristezza che Virunga annuncia la morte dell’amata gorilla di montagna, Ndakasi, che per oltre dieci anni era stata sottoposta a cure dal Senkwekwe Center del Parco. Ndakasi ha esalato il suo ultimo respiro tra le amorevoli braccia del suo custode e amico di una vita, Andre Bauma” si legge nel comunicato.

Il Senkekwe Center, situato all’interno del parco, è l’unica struttura al mondo che si occupa di gorilla di montagna orfani.

L’amico umano 

Bauma si è preso cura di Ndakasi nel 2007, quando i ranger la trovarono aggrappata al corpo della madre morta sotto i colpi dei bracconieri. La cucciola aveva solo due mesi e dunque troppo vulnerabile per tornare in natura. E proprio tra le braccia di Andrè la gorilla, nel frattempo cresciuta nella struttura che accoglie altri gorilla di montagna orfani, è deceduta. La foto dei due, ritratti insieme, con Ndakasi abbandonata sul petto del suo “padre umano” è struggente.

“È stato un privilegio sostenere e prendersi cura di una creatura così amorevole, soprattutto sapendo il trauma che Ndakasi ha subito in giovanissima età. La natura dolce e l’intelligenza di Ndakasi mi hanno aiutato a capire la connessione tra gli esseri umani e le grandi scimmie e perché dovremmo fare tutto ciò che è in nostro potere per proteggerle. Sono orgoglioso di aver chiamato Ndakasi la mia amica. L’ho amata come una bambina e la sua personalità allegra mi portava a sorridere ogni volta che interagivo con lei. Mancherà a tutti noi di Virunga, ma saremo per sempre grati per la ricchezza che Ndakasi ha portato alle nostre vite nel tempo che ha trascorso qui” ha detto André Bauma.

Segui OA Plus Viaggi su Instagram 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: IG Virunga National Park


Esce oggi in sala il film ispirato al massacro del Circeo, ma è subito polemica, “La Scuola Cattolica” è vietato ai minori di 18 anni

Riaperture, ok al decreto che aumenta la capienza: cinema e teatri al 100%, discoteche al 50%