Mauritius, grazie all’introduzione del corridoio turistico, è ora raggiungibile: ecco le regole da seguire per viaggiare in completa serenità

Mauritius Covid-free

Grazie all’introduzione dei “corridoi turistici” Covid-free, gli italiani possono finalmente viaggiare verso le isole Mauritius senza obblighi di quarantena al rientro dalle vacanze. Rimane fondamentale, ovviamente, il “Green Pass”. Esistono, inoltre, altre regole da sapere.

Viaggiatori vaccinati

A partire dal primo ottobre 2021, i viaggiatori vaccinati devono presentare un tampone molecolare negativo (effettuato al massimo 72 ore prima della partenza). È obbligatorio, in aggiunta, eseguire un tampone rapido all’arrivo e uno durante il quinto giorno di permanenza (anche auto-somministrato). Ai turisti è concesso esplorare l’isola solo dopo aver ricevuto l’esito negativo del test effettuato allo sbarco. Indispensabile possedere un’assicurazione sanitaria (che copra le eventuali spese dovute all’infezione da Covid-19) e compilare i moduli sanitari (prima o durante il soggiorno). Tra questi il “Passenger Locator Form” e “l’Health Self-Declaration Form”. Una volta riempiti, tali moduli devono essere consegnati ai funzionari dell’immigrazione (o della salute) all’aeroporto di Mauritius.

Viaggiatori non vaccinati

Diversa la situazione per i viaggiatori non vaccinati. Queste persone, infatti, non solo devono presentare un tampone molecolare negativo (effettuato al massimo 72 ore prima della partenza) ma devono anche prenotare un soggiorno-quarantena di 14 giorni presso uno degli hotel accreditati (Gold Crest, Gold Beach, Grand Blue, Ambre) inclusi i pasti e i trasferimenti. Saranno effettuati, inoltre, dei tamponi molecolari il giorno d’arrivo, il settimo e il quattordicesimo giorno. Il costo dei tre tamponi è di 12mila rupie, equivalenti a quasi 240 Euro. Una volta ottenuto l’esito negativo del tampone al quattordicesimo giorno dall’arrivo, i viaggiatori sono liberi di esplorare l’isola ed effettuare un cambio di alloggio. Necessario, anche in questo caso, compilare i moduli e stipulare un’assicurazione.

Rientro in Italia

Secondo la normativa in vigore fino al 31 gennaio 2022, possono avvalersi dei corridoi turistici “Covid-free” i viaggiatori muniti di certificazione che attesti il completamento del ciclo vaccinale o l’avvenuta guarigione. Prima di rientrare in Italia (48 ore precedenti l’imbarco) è necessario sottoporsi a un test molecolare o antigenico. All’arrivo (presso aeroporto), infine, è necessario sottoporsi a ulteriore test. Se tutti i passaggi sopra elencati sono rispettati, i viaggiatori sono esentati dall’obbligo di quarantena. In caso di viaggi con minori è necessario sapere che:

  • da 0 a 5 anni sono esentati dal test molecolare
  • da 6 a 17 anni è obbligatorio un tampone

 

Segui OA Plus Viaggi su Instagram 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Shutterstock.com

 


Orrore in un bar a Cisterna di Latina, 84enne violenta due donne

Brescia, 13enne spara accidentalmente al petto della sorella 15enne che muore sul colpo, padre scagionato