Coste infinite, acque turchesi, paesaggi unici, antiche foreste lussureggianti e parchi naturali distribuiti fra le otto isole dell’arcipelago delle Canarie: sono un contesto privilegiato per riconnettersi con la natura e lasciarsi accarezzare dal sole, senza fretta e lontano dalla folla. Ecco, isola per isola, i luoghi più belli 

TENERIFE

Le spiagge di arena fine e le acque calme si trovano nei principali centri turistici di Tenerife, situati nel sud dell’isola. Ma ci sono anche le spiagge più lontane dai centri abitati per rilassarsi completamente. La Tejita, vicino alla Riserva Naturale Speciale Montaña Roja, offre più di un chilometro di spiaggia per godersi il mare in santa pace. Mentre quando si arriva per la prima volta alla spiaggia di los Gigantes, conosciuta come Los Guíos, non si può fare a meno di restare in contemplazione di tale bellezza con le sue imponenti scogliere alte fino a 600 metri.

Tenerife vanta straordinari spazi naturali. Una buona opzione per chi cerca un luogo tranquillo è quella di fuggire al Parco Rurale di Teno, di estimabile valore ecologico, paesaggistico e culturale. Il Parco Nazionale del Teide è invece il più visitato d’Europa, ospita l’imponente struttura vulcanica del Monte Teide, la vetta più alta della Spagna e un patrimonio naturale dell’umanità. Intorno a questo paesaggio vulcanico, si sviluppa il Parco Naturale Corona Forestal e il Massiccio dell’Anaga, una delle sette Riserve della Biosfera delle Isole Canarie e habitat dove crescono ancora alcune specie vegetali già estinte nella maggior parte del pianeta.

A Tenerife in molte dei suoi centri abitati si può anche respirare la storia. Un chiaro esempio è San Cristóbal de La Laguna, una tipica città coloniale. La Orotava, conosciuta come “la Firenze delle Isole Canarie”, fonde la sua anima storico-artistica alla ricchezza paesaggistica.

GRAN CANARIA

Chiamata anche “continente in miniatura”, Gran Canaria si distingue rispetto alle altre isole per i suoi marcati contrasti. Una delle migliori spiagge di città rispetto a tutta Europa, Las Canteras, nel cuore della capitale dell’isola, è un paradiso. Mentre Maspalomas è molto più di una magnifica spiaggia con diversi chilometri di sabbia dorata. Il privilegio di potervi trascorrere del tempo è quello di osservare allo stesso tempo le dune sabbiose del deserto e l’ecosistema della laguna dove nidificano diverse specie di uccelli. 

Gran Canaria è anche natura e paesaggi aspri di grande bellezza, come quello che si estende nel cuore dell’isola al cospetto del Roque Nublo, un imponente monolite vulcanico raggiungibile da un percorso escursionistico. A coronare le grandiose scogliere del nord-ovest dell’isola è il Parco Naturale di Tamadaba, il grande bosco di pino canario di Gran Canaria accanto alla foresta di Inagua, dove si rifugia il fringuello blu, una specie endemica che si trova soltanto nell’arcipelago. 

Se si vuole visitare una città, Las Palmas de Gran Canaria è la capitale dell’isola, un centro cosmopolita con un’offerta culturale, gastronomica, ricreativa e commerciale completa. Lontano dai vivaci centri urbani e turistici della costa, all’interno di Gran Canaria troviamo villaggi e borghi tranquilli dove tutto accade senza fretta, come Tejeda, il paese di Gran Canaria che fa parte dei villaggi più belli della Spagna.

LANZAROTE

Lanzarote è la prima destinazione al mondo ad avere ottenuto la certificazione Biosphere Responsible Tourism. L’isola si è infatti sviluppata in modo sostenibile e in armonia con l’ambiente, grazie al lavoro di César Manrique, pittore, scultore, architetto e artista poliedrico che ha saputo intervenire nel paesaggio con il suo talento.

Il Parco Nazionale di Timanfaya è la massima espressione dell’attività eruttiva avvenuta sull’isola e uno dei più rappresentativi dell’arcipelago delle Canarie. A Lanzarote si può entrare nell’affascinante mondo  sotterraneo creato dalla lava. Spazi come il Jameos del Agua o la Cueva de los Verdes sono chiari esempi che offrono l’opportunità di conoscere i segreti delle viscere della terra.

Il paesaggio di La Geria è una sorpresa per gli occhi. Una vasta area coperta da piccoli frammenti di roccia vulcanica nera, originati dalle eruzioni di Timanfaya, viene sfruttata dagli agricoltori di Lanzarote per la coltivazione della vite, che modellano la terra per difendere le colture dal vento. I vini che si ottengono, con Denominazione di Origine, sono speciali e riconosciuti a livello internazionale. Le spiagge di Lanzarote sono fatte per rilassarsi. Come Papagayo: le sue acque sono così calme che sembrano uno specchio. Qui fare il bagno e dedicarsi allo snorkeling è impagabile.

FUERTEVENTURA

Chilometri di spiagge paradisiache di sabbia bianca o dorata e acque turchesi. Questa è la fotografia idilliaca per chiunque ami sentire il sole, la brezza marina e fare bagni rivitalizzanti in acque calme e trasparenti. Le grandi spiagge del nord-est di Fuerteventura hanno una risorsa molto speciale: l’immenso campo di dune di Corralejo, una vasta area di cumuli di sabbia che il vento sta instancabilmente raccogliendo e plasmando. A soli due chilometri da Fuerteventura, troviamo l’Islote de Lobos, un piccolo isolotto disabitato che deve il suo nome alla presenza in passato di un’importante colonia di leoni marini, e dove sono stati trovati resti archeologici di un insediamento di epoca romana. 

Fuerteventura è la più antica delle Isole Canarie. Cominciò ad emergere dalle acque dell’Oceano Atlantico circa 22 milioni di anni fa. Non avendo subito eruzioni vulcaniche per millenni, l’erosione ha avuto libero sfogo per modellare il rilievo a piacimento, essendo il verde protagonista in paesaggi come Betancuria. E il risultato non poteva essere più spettacolare: estese pianure in cui le montagne a bassa quota formano onde morbide sul terreno, un’immagine che trasmette un profondo senso di benessere e tranquillità. 

L’isola è perfetta per contemplare il cielo notturno. Da Sicasumbre, il primo punto di vista astronomico dell’isola, dilettanti ed esperti hanno pannelli informativi e strumenti di osservazione che possono essere utilizzati liberamente per godersi lo spettacolo di stelle, costellazioni, pianeti e comete offerto dal cielo notturno di Fuerteventura. Tutte le informazioni su Fuerteventura a questo link.

LA PALMA

La Palma ha catturato l’attenzione del mondo con l’eruzione del vulcano Cumbre Vieja, che si è conclusa il 25 dicembre scorso. Al di là di questo episodio, l’isola di Bonita è nota per le sue ampie e rigogliose foreste millenarie e la magia dei suoi spazi naturali. Il Parco Nazionale della Caldera de Taburiente è un’area naturalistica tra le più spettacolari delle Isole Canarie e, senza dubbio, il più grande tesoro di La Palma. Per avere un’idea della grandiosità di questo spazio, è essenziale visitare le cime del Parco, dove si trova il famoso Osservatorio Astrofisico di Roque de los Muchachos, per guardare la grande caldera vulcanica e avere la sensazione di essere sospesi nel vuoto.

Oltre a uno dei quattro parchi nazionali delle Isole Canarie, La Palma ospita un totale di 19 aree naturali protette. Tutta l’isola è una Riserva della Biosfera e ha una delle tre Riserve Marine dell’arcipelago. Una delle maggiori attrazioni di questa isola delle Canarie è esplorare l’ampia rete di sentieri che attraversano una sorprendente varietà di paesaggi. Una delle foreste di alloro più importanti del mondo si trova anche su quest’isola, Los Tiles.

LA GOMERA

Lussureggiante, tranquilla e selvaggia. Questi sono tre degli aggettivi che meglio definiscono la piccola isola di La Gomera. L’intera isola è Riserva della Biosfera dal 2012.Nel centro dell’isola si trova il suo gioiello naturale, il Parco Nazionale di Garajonay, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1986. Un paradiso dove si mescolano lussureggianti foreste di alloro che risalgono al periodo terziario, palmeti e combinazioni di piante tanto diverse quanto uniche. 

La Gomera è formata da valli che si alternano a pareti e burroni che lambiscono la costa, creando paesaggi senza pari. L’esempio più grande è Los Órganos, a Vallehermoso, risultato dell’erosione dell’acqua, della forza del vento e delle eruzioni di almeno due milioni di anni fa. Coloro che arrivano su quest’isola lo fanno passando per San Sebastián de La Gomera, nel cui porto attraccano navi da crociera e pescherecci. Il centro economico dell’isola è famoso in tutto il mondo per essere il luogo in cui Cristoforo Colombo fece la sua ultima tappa prima di arrivare in America nel 1492.

EL HIERRO

È l’isola “più giovane” delle Isole Canarie, essendo emersa 1,1 milioni di anni fa. Conosciuta da chi ama le immersioni, è anche l’isola della sostenibilità. El Hierro è sulla strada per raggiungere l’autosufficienza energetica attraverso energie pulite e rinnovabili. A El Hierro non ci sono quasi spiagge, il che non impedisce di godersi il sole e il mare in una delle piscine naturali paradisiache dell’isola. Uno di questi è il famoso Charco Azul, una polla d’acqua turchese e trasparente. 

Una delle attività più consigliate su quest’isola è quella di percorrere uno dei sentieri tra i pini delle Canarie o le specie di lauro. Tra quelli più noti c’è il Jinama Way, un antico percorso utilizzato dagli abitanti dell’isola di poco più di tre chilometri. Nel frattempo, sulla strada per le zone più alte dell’isola, ci si può fermare in uno dei punti panoramici per contemplare viste panoramiche vertiginose, come la maestosa valle di El Golfo formatasi dopo la mega-frana che si è verificata migliaia di anni fa, e brusche scogliere dove il mare mostra tutta a sua forza. L’oceano su quest’isola fa vedere anche il suo volto migliore con la Riserva Marina di La Restinga-Mar de las Calmas.

LA GRACIOSA

 Piccola, tranquilla, con una natura incontaminata e poco abitata… La Graciosa dista solo mezz’ora da Lanzarote, è il sogno che si avvera per quei viaggiatori che cercano solitudine, relax e vogliono sperimentare una connessione assoluta con un ambiente naturale. La più piccola delle Isole Canarie, protetta nella sua interezza, fa parte dell’Arcipelago Chinijo, le cui acque costituiscono la più grande Riserva Marina d’Europa. 

El Salado, La Francesa e La Cocina compongono un trio di meravigliose spiagge di sabbia bianca e acque turchesi e cristalline. Con l’alta marea, La Francesa diventa una sorta di laguna, ideale per lo snorkeling e contemplare la varietà di pesci che la abitano.

Segui OA Plus Viaggi su Instagram 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Ufficio Stampa Isole Canarie

 

TAG:
Canarie spiagge Isole Canarie

ultimo aggiornamento: 20-05-2022


Scoprendo l’Italia, tour dell’Emilia Romagna on the road

Slovenia on the road, alla scoperta di Lubiana