Al giro di boa di X Factor brilla più di tutti Baltimora, Erio spende sempre. I giudici massacrano i Bengala Fire per futili motivi.

L’edizione numero 15 di X Factor è arrivata al giro di boa. Nella quarta puntata del celeberrimo talent show targato Sky, cominciata con la spettacolare e drammatica “giostra” degli inediti che ha ha condannato Versailles , non sono mancate le scintille tra i quattro giudici, sempre più invischiati in trame strategiche più o meno riuscite.

Tra gli otto concorrenti che hanno disputato la prova delle cover a brillare è stato certamente Baltimora, autore di una performance decisamente straordinaria, così come Erio, finito ingiustamente al ballottaggio. Ma andiamo con ordine.

TEAM MANUEL AGNELLI

BENGALA FIRE, EVIL (Interpol). VOTO 7

Il grande massacro della giuria è servito, con svariate critiche oggettivamente difficili da comprendere, soprattutto quella di Emma che, di fatto, ha accusato la band di non aver intrapreso un percorso simile a quello delle Endrigo. Ma davvero è un difetto presentare ogni settimana un brano fedele al proprio mondo? Noi crediamo di no. E anche questa sera con il banger degli Interpol, i Bengala Fire, tra l’altro in forte crescita da un punto di vista tecnico, non si sono smentiti.

MUTONIA, GIGANTIC (Pixies). VOTO

Sempre fedeli a se stessi (e meno male) salutano lo show forse con l’unica scelta leggermente sbagliata del loro percorso, comunque di classe e centrata ma, rispetto al resto della truppa, decisamente più flebile e scarica. In altre edizioni sarebbero usciti alla prima puntata, sintomo che qualcosa sta cambiando.

ERIO, LONDON CALLING (The Clash). VOTO 9

Splendida. Londra ai tempi della Brexit, della crisi pandemica e sociale è sempre più tormentata, tetra, scura, ma sempre così maledettamente affascinante. Erio, l’anima più sensibile tra tutti, trasforma il capolavoro dei Clash in una ninna nanna ipnotica e colma di inquietudine.

TEAM MIKA

NIKA PARIS, DERNIÈRE DANSE (Indila). VOTO 6

Sempre perfetta, sempre calibrata, sempre più vicina alla vittoria (insieme a GianMaria). Ma manca qualcosa. E quel qualcosa significa colore, significa anima, significa vissuto. Tutte piccole sottrazioni che sono emerse in modo prepotente in questa versione di Darnière Danse genuinamente di maniera.

FELLOW, ANCHE FRAGILE (Elisa). VOTO

Molto traballante e insicuro nel fraseggio, si apre bene e in modo non scontato nell’inciso, ma ancora risulta troppo ancorato alle sue insicurezze per risultare credibile al 100%. Una prova superata solo in parte. Ha bisogno di smollarsi definitivamente, il tempo stringe.

TEAM HELL RATON

BALTIMORA, UN UOMO CHE TI AMA (Lucio Battisti). VOTO 10

Semplicemente pazzesco. Dopo aver visto agli Home Visit una versione fin troppo melodrammatica de “La ballata della moda” di Luigi Tenco, tutto ci si poteva aspettare tranne che ascoltare questa performance-capolavoro, senza dubbio una delle migliori mai eseguite in quindici edizioni del programma. Baltimora spoglia le geniali intuizioni armoniche di Lucio Battisti rispettando però in maniera religiosa l’approccio vocale, creando dunque il perfetto ponte tra il suo stile e quello del celeberrimo cantautore. Qualcosa che 9 volte su 10 risulta eretico, non se sei un talento vero.

TEAM EMMA MARRONE

giANMARIA, STELLA DI MARE (Lucio Dalla). VOTO 6+

Riceve in toto i complimenti dalla giuria, che quando tocca a lui sembra esaltarsi come con nessuno. Stoffa da vendere, capacità di scrittura notevole. Ripetitivo tuttavia fino al midollo per un imprinting monocorde che, alla lunga, stanca.

LE ENDRIGO, MALAMENTE (Rosalia). VOTO 7-

Certamente la cover meglio riuscita fino a questo momento, dove finalmente è stata messa in risalto la splendida voce del frontman. Continua a non convincere la “formula”, termine abusato in questa edizione. Perché continuare a gravitare in pianeti lontani, perché continuare a sfornare questi divertissement che in un loro concerto fungerebbero esclusivamente da riempitivo? In questo senso senso ha ragione Manuel: è ora di entrare davvero nel loro mondo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: SKY ITALIA


LA FABBRICA DEI SOGNI di Chiara Sani. Bentornata Courtney Eaton!

Coronavirus, ancora a rischio il Natale sulle piste da sci