Martedì 1 Novembre torna su Rai2 l’appuntamento in seconda serata con “Belve” e le interviste senza freni di Francesca Fagnani. La conduttrice attraverso un rapporto “A tu per tu” con l’ospite, si confronta senza sconti con grandi nomi dello spettacolo, della politica, del costume e della cronaca, disposti a mettersi davvero in gioco, accettando le regole del programma: raccontarsi senza filtri, rispondere alle domande chiare, dirette e spesso provocatorie della conduttrice.

Fino a rivelare qualcosa di sé, che gli spettatori ancora non conoscono. Un confronto occhi negli occhi, che porta alla luce il ritratto di una vita, le vittorie e le sconfitte, i rimpianti e le rivendicazioni di donne e uomini che arrivano a tracciare il bilancio di una strada percorsa con la tenacia e il coraggio di essere sempre e solo se stessi, nel bene e nel male.

Il claim del promo apparso sui social rende alla perfezione la cifra adottata dalla conduttrice del programma più irriverente della Rai.

“C’è chi ha paura del buio, chi delle streghe e chi delle belve feroci. Noi di nessuno, a voi?”, chiede sfrontatamente la Fagnani al proprio pubblico. Belve torna in una versione rinnovata. Saranno, infatti, tre gli appuntamenti settimanali: martedì, mercoledì e giovedì Il Sito Biccy ha rivelato quali saranno i personaggi intervistati da Francesca Fagnani.

“Nella prima puntata Francesca Fagnani intervisterà Eva Robin’s e Wanna Marchi, quest’ultima reduce dal successo di Wanna, Mercoledì toccherà invece a Nina Moric e Michele Bravi, mentre giovedì vedremo l’intervista di Floriana Secondi e della sportiva Monica Contraffatto. Nel corso della stagione vedremo anche l’intervista realizzata a Licia Ronzulli (senatrice in carica di Forza Italia) e Alessandra Celentano. Massimo Ferrero, che ha registrato l’intervista, alla fine ha cambiato idea ed ha bloccato la messa in onda. Giuseppe Conte, invece, non ha accettato l’invito della conduttrice.”

Crediti Foto frafagni/Instagram

TAG:
Belve francesca fagnani Rai2

ultimo aggiornamento: 30-10-2022


RELATIVE CALM: STORIA DI UN TEATRO MULTIMEDIALE

Da “Relative Calm” a “Camera Obscura”: esempi di multidisciplinarietà per un nuovo teatro multimediale