Venerdì è andata in onda l’ultima puntata della stagione di Tale e Quale Show, quella dei campioni per intenderci, e che ha visto trionfare su tutti Lidia Schillaci che ha strappato il trofeo agli altri concorrenti dopo una sublime ed emozionante imitazione di Mina.

La gara, però, è stata “macchiata” da una polemica che ha fatto il giro di siti e web e che ancora oggi è gran motivo di discussione ed il cui protagonista è il rapper milanese Ghali. Sergio Muniz, attore spagnolo oramai in Italia da anni, si è esibito su Good Times, riscuotendo anche discreto successo tra i giurati, ma non da parte dell’artista originale.

Ghali, infatti, che stava guardando il programma, non ha gradito che per imitarlo si sia usato il Blackface e che, nello specifico Loretta Goggi, abbia definito Muniz più carino di lui, relegando il tutto ad una mera critica basata su luoghi comuni e paragoni estetici.

Contemporaneamente al live, il rapper di origine tunisina, ha rilasciato una stories dove ha voluto mostrare tutto il suo disappunto:

“Non c’è bisogno di fare il BlackFace per imitare me o altri artisti. Potete dire che esagero, che mi devo fare una risata e che non si vuole offendere nessuno, lo capisco. Ma per offendere qualcuno basta semplicemente essere ignoranti, non bisogna per forza essere cattivi o guidati dall’odio. Si può anche essere delle brave persone e non sapere che la storia del BlackFace va ben oltre un semplice make up, trucco o travestimento”.

Rivolgendosi poi alla  Rai e a Tale e quale show, ha affermato: “Non facciamo una bella figura né con chi è meno superficiale in questo Paese e nemmeno con chi ci guarda da fuori. Ci sono tante caratteristiche che si possono riprodurre e imitare in un personaggio. È la seconda volta che mi emulate in questo modo, dipingendo la faccia oltre a fare commenti usando luoghi comuni e paragoni su aspetto fisico e bellezza. Non mi sono offeso, davvero. Ma nemmeno ho riso. Bastava l’autotune e un bel look. Perché il BlackFace è condannato ovunque, specie in un anno come questo, in cui gli avvenimenti e le porteste sono stati alla portata di tutti”.

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

 

 

Crediti Foto: luna_trap/instagram


“A Natale spostamenti consentiti solo con tutte le Regioni gialle”

Cinema. “Il processo ai Chicago 7”