Dopo impegnative operazioni di spegnimento dell’incendio, la petroliera battente bandiera panamense che ieri ha preso fuoco al largo della Costa srilankese è stata trainata al largo.

Un denso fumo si alza ancora dalla nave, una colonna nera visibile a chilometri di distanza. Pochi giorni fa, mentre trasportava 23mila tonnellate di greggio e 1.700 tonnellate di diesel dal Kuwait al porto indiano di Paradip, sulla New Diamond, una petroliera lunga 330 metri s’è improvvisamente innescato un incendio.

La marina cingalese, in cooperazione con la guardia costiera indiana ha combattuto con le fiamme per ore, per evitare che il petrolio si disperdesse in mare come successo poche settimane fa alle isole Mauritius, dove una petroliera ha disperso una quantità enorme di petrolio in acqua, mettendo fortemente a repentaglio l’ambiente marino.

Nessuna perdita di petrolio in mare però, come confermato dalla guardia costiera indiana, che nonostante una grossa crepa sul bagnasciuga, non ha rilevato danni strutturali che potessero permettere fuoriuscite di greggio.

“Dopo due giorni di lotta contro il fuoco” fanno sapere le autorità cingalesi, le fiamme sono ora sotto controllo.

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Crediti Foto: LaPresse

TAG:
ambiente ecologia india petrolio sri lanka

ultimo aggiornamento: 06-09-2020


PUNTI LUCE di Chiara Sani KEANU REEVES a Berlino sul set di MATRIX 4!

Classifica Radio Airplay Indipendenti Italiani, week 36: Un altro successo per Diodato. Sulla strada dell’affermazione il rapper Recidivo