È finalmente giunto questo tanto atteso 2021, come la fuoriuscita da un anno nefasto scomparisse assieme alla ridondanza sinistra delle sue cifre 2020. Il primo regalo di quest’anno, in anticipo di un’ora al suo inizio, è stata un’Europa senza più Regno Unito. Infatti nelle scorse settimane si erano raggiunti i tanto attesi accordi bilaterali tra Uk e Ue, e la firma  della  regina i giorni scorsi aveva ufficializzato le leggi sull’uscita e sull’approvazione dei patti.

Nel 1707  il cosiddetto Atto di Unione sancì che i due regni di Scozia e di Inghilterra – con lo stesso monarca e parlamenti sovrani – fossero uniti in un unico regno dal nome di Gran Bretagna. Ma ora, l’Unione potrebbe scomparire. Già nel 2014 gli indipendentisti tentarono con un referendum di tornare alla sovranità scozzese, ma il referendum fu inaspettatamente vinto dagli unionisti.

Oggi, all’indomani dell’avvenuto divorzio con l’Ue, Nicola Sturgeon, premier scozzese e leader del partito indipendentista, ha twittato un’immagine con le parola Scozia e Europa unite da un cuore, commentando “Scotland will be back soon, Europe.” e sebbene Boris Johnson neghi a prescindere ogni possibile riproporsi del referendum separatista, la Scozia non è d’accordo con la Brexit e farà di tutto per tornare in Europa.

“La Scozia non ha mai votato per la Brexit – il 62% degli scozzesi si oppose nel referendum del 2016  -, e noi ci sentiamo europei. I valori fondanti dell’Unione Europea, e cioè dignità umana, libertà, democrazia, uguaglianza, rispetto della Legge e dei diritti umani, sono anche i valori della Scozia. In quasi cinquant’anni di appartenenza all’Ue, abbiamo beneficiato enormemente del mercato comune europeo e delle sue quattro libertà, inclusa quella di movimento” così si è espressa poche settimane fa per La Repubblica. “La Scozia – continua la Sturgeon, il cui Partito Nazionale Scozzese è favorito alle prossime elezioni locali di maggio 2021 – è ora la casa di oltre 230mila europei: sono nostri amici, parte della nostra famiglia, e vogliamo che restino con noi, nel nostro Paese”. La premier scozzese  auspica un nuovo referendum, per staccare il destino della scozia dalle mani di Westminster, testuali parole.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Immagine: Twitter @NicolaSturgeon

TAG:
Brexit Scozia

ultimo aggiornamento: 02-01-2021


Coronavirus, dal 7 gennaio addio zona rossa ma non per tutti: tre regioni quasi condannate, altre tre a forte rischio

Mattia, il supereroe dei bimbi in corsia che regala sorrisi e speranze: “Sono il vostro amichevole Spiderman di quartiere” VIDEO