Cinque serate per cinque borghi, alla scoperta di Sanremo e dintorni. Ecco a voi Ventimiglia, la porta occidentale d’Italia

Festival di Sanremo 2021

Il “Festival della canzone italiana” è da sempre uno degli eventi musicali più seguiti nel nostro Paese, con importanti riscontri anche in Europa. Si tiene ogni anno a Sanremo (Imperia) a partire dal 1951. Vi hanno preso parte come concorrenti, ospiti o compositori, molti nomi noti della “musica nostrana”. La statuetta del “Leone di Sanremo” è uno dei riconoscimenti più prestigiosi per gli artisti del “Bel Paese”. La “capitale” della “Riviera dei Fiori” sarà teatro di questa manifestazione dal 2 al 6 marzo. Se “fisicamente” sarà impossibile viaggiare, viste le restrizioni-Coronavirus, nulla ci vieta di farlo “virtualmente”. Scopriamo insieme le bellezze del Ponente ligure.

Ventimiglia

Ventimiglia è un grazioso comune ligure poco distante (8 Km circa) dalla Francia e in particolare dalla regione della Costa Azzurra. È soprannominata, a causa della sua posizione geografica, “porta occidentale d’Italia“. In virtù del clima mite per buona parte dell’anno, delle spettacolari spiagge e delle numerose attrazioni turistiche, la cittadina gode di un ricco flusso turistico. Sorta come piccolo villaggio abitato dalla popolazione dei liguri venne, con non poche difficoltà, conquistata dai romani che la trasformarono nella municipalità di “Albintimilium“. Oggi sono visibili di quel periodo storico, nella zona orientale della città, i resti di un’importante area archeologica: il teatro romano.

Ventimiglia, divisa in due zone dal fiume Roia, è caratterizzata da una parte alta medioevale e da una moderna che si distende lungo il litorale. La prima, conosciuta come “Ventimiglia Alta“, è contraddistinta dal centro storico più esteso della Liguria, dopo quello di Genova.


I “Balzi Rossi”

Rocce dal color rossastro a picco su un mare cristallino, abitate 25mila anni fa dal nostro progenitore paleolitico Cro-magnon, attribuiscono il nome a questo affascinante luogo, tra i più belli della Riviera di Ponente. I “Balzi Rossi” sono uno dei siti archeologici più importanti del Mediterraneo, per eccezionalità del luogo e valore storico dei reperti rinvenuti. Vi è poi la famosa incisione parietale, di un cavallo selvatico, diventata il simbolo del luogo. Qui si trovano anche due spiagge fantastiche: la minuscola “spiaggia delle uova” e la baia “Garavano”. La prima, così nominata per la forma delle pietre che la compongono, viene considerata una delle più belle d’Italia.

Cosa vedere a Ventimiglia

Ventimiglia vanta diversi edifici religiosi e alcune attrattive storiche di valore assoluto, sia dal punto di vista architettonico che da quello artistico. La Cattedrale di “Santa Maria Assunta” sorge nella piazza principale della città. Pare che un tempo, dove ora si erge la Chiesa in stile romanico, vi fosse un antico tempio pagano dedicato a Giunone. Altro punto d’interesse cittadino è porta “Canarda” che risale al periodo medioevale. Quest’ultima, ottimamente conservata, è sovrastata da un possente torrione che un tempo fungeva d’avamposto militare. Uno dei monumenti simbolo è il teatro romano, che si presenta di forma semicircolare e rivestito di pietra calcarea bianca. Fu costruito adiacente alla “Via Julia Augusta“, con ogni probabilità tra il II ed III secolo. Poteva contenere fino a 5mila persone, che qui assistevano a spettacoli di mimi, danze e commedie. Vicino alla struttura erano presenti anche le terme, ornate con uno splendido mosaico pavimentale.

Come arrivare

Per raggiungere Ventimiglia basta prendere l’uscita autostradale “Ventimiglia“, lungo la “A10 Genova-Ventimiglia“. La distanza con Sanremo è di circa 20 Km

Potete seguire i miei viaggi anche sui canali social:

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Venturelli Bruno


SANREMO BATTLE. Sfida 1: al voto social Raf, Ron, Elisa, Tosca, Marco Mengoni, Michele Bravi, Mia Martini, Giuni Russo, Nada, Roberto Vecchioni, Toto Cutugno e Matia Bazar

“Ogni volta è come la prima”: Mario torna a donare dopo il COVID