L’inchiesta  coordinata dal procuratore aggiunto Laura Vaccaro e dal sostituto Monica Guzzardi, nella ricostruzione dei fatti, vede una mamma di Palermo e la sua secondogenita, uscire di casa per recarsi in un centro commerciale a fare la spesa. In casa, restano la sorellina piccola ed il papà. Tutto tranquillo dunque, ma per sicurezza, per essere sicure che la bimba dorma bene, la mamma pone nella cameretta una telecamera collegata attraverso una app al cellulare della sorella. In questo modo, quando la bimba si muove arriva una notifica sul telefonino ed è possibile verificare che vada tutto bene.

Ma ad un tratto, la notifica arriva e madre e figlia guardano in diretta e scoprono una realtà agghiacciante. Secondo quanto riportato da LiveSicilia, nelle immagini si vede il padre stendersi di fianco alla figlia. Le abbassa le mutandine, le bacia e le accarezza il sederino e inizia a masturbarsi. Chiaramente madre e figlia restano inorridite e sono terrorizzate che possa accadere qualcosa di ancora peggio alla bambina, dunque iniziano la drammatica corsa contro il tempo verso casa e nel frattempo, le immagini scorrono e non lasciano presagire nulla di buono.

E’ quanto accaduto a fine agosto a Palermo, dove l’uomo è stato arrestato. Nonostante abbia provato a negare anche di fronte all’evidenza, gli screenshot di quanto ripreso dalla telecamera parlano chiaro. Sempre secondo LiveSicilia, la moglie ha raccontato che la telecamera era stata spostata da poco nella cameretta della bimba in quanto prima, era posizionata in sala verso il televisore, dato che il marito non voleva più avere rapporti con lei e lei voleva controllare se guardasse film pornografici. Per questo l’uomo non era a conoscenza della telecamera.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Shutterstock

 

TAG:
app arrestato bimba madre notifica padre Palermo sorella telecamera

ultimo aggiornamento: 30-09-2022


Novara, il piccolo Leonardo ucciso di botte a soli due anni dalla mamma e dal compagno: condanna all’ergastolo anche per la Corte d’Appello

Mascherine, da domani stop su treni, autobus e metro. Ma resta l’obbligo negli ospedali e Rsa