I dettagli sono emersi dopo un altro interrogatorio durante il quale l’ex marito della donna, presunto mandante, si è avvalso della facoltà di non rispondere

Omicidio già tentato

In precedenza, per ben due volte, avevano tentato di uccidere Ilenia Fabbri in un piano messo a punto tra settembre e ottobre. E’ quanto emerso dalla confessione rilasciata dal 53enne Pierluigi Barbieri (alias “lo Zingaro”) sicario reo-confesso dell’omicidio di Faenza (Ravenna) su mandato dell’ex marito della vittima, Claudio Nanni.

Il primo tentato omicidio non si era concretizzato per il mancato orientamento, nella casa, dell’aggressore. L’altro perché l’ex marito, il cui arrivo avrebbe dovuto segnare l’inizio dell’azione, si era presentato tardi. Barbieri ha parlato dei due precedenti tentativi di uccidere Ilenia Fabbri quando è stato sentito in Questura a Ravenna. I dettagli sono emersi dopo un altro interrogatorio dove l’ex marito della donna e presunto mandante del delitto, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Secondo il sicario il piano inizialmente prevedeva, in cambio di 20mila Euro e un’auto usata, di far scomparire la 46enne dentro a un trolley, di cospargerla di acido e di gettarla in una buca già scavata nelle campagne faentine (individuata dagli inquirenti).

I nuovi elementi, se confermati, rafforzano l’ipotesi della premeditazione di un delitto aggravato.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 

 

 

TAG:
omicidio Faenza omicidio Ilenia Fabbri

ultimo aggiornamento: 22-03-2021


Australia. Piogge torrenziali nel Nuovo Galles del Sud: 18.000 evacuati

Venezia, avvistata coppia di delfini nel Canal Grande (VIDEO)