In Nord Irlanda si trova un’alta concentrazione di location utilizzate per le riprese di “Game Of Thrones”. Scopriamo insieme, tappa dopo tappa, Westeros

DAAA DAAA DADADAAA DAAA DADADAAANNNN. Ci eravamo lasciati, nell’episodio precedente di questa serie, mentre guidavo in direzione dei territori meridionali del Paese. Dopo un paio di ore, eccomi giunto a destinazione. Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta di Westeros.

Game Of Thrones Tour 

Oggi visiteremo gli ambienti fantasy delle “Isole di Ferro” e della “Strada del Re“. Una piccola deviazione, dalla rotta del “GOT tour“, ci permetterà poi di assaporare il brivido di una delle attrazioni principali del Paese : il ponte di corda di “Carrick-A-Rede“. 

Informazioni generali

Sono ben note le controversie “politico-religiose” che hanno colpito, duramente, la nazione in passato. Nonostante ciò, il Paese ora vive un periodo di relativa tranquillità e pace. “Buon senso” e attenzione sono comunque consigliate. Personalmente non ho mai dovuto registrare alcun episodio spiacevole, anzi ho avuto modo di constatare l’enorme ospitalità che la gente del luogo è in grado di offrire. Così come nel Regno Unito, la guida è a sinistra con il volante posizionato a destra. La moneta ufficiale è la Sterlina, da non confondere, quindi, con la Repubblica d’Irlanda dove invece si utilizza l’Euro.

Downpatrick

Perché una sosta in questa cittadina? Beh per due motivi non affatto trascurabili! Il primo è di stampo storico/religioso: sembra infatti che nella Cattedrale principale della città, la “Down Cathedral“, sia sepolto San Patrizio, il Patrono d’Irlanda. Il secondo, invece, ci riporta al filo conduttore degli articoli, cioè il “Game of Thrones” tour. Nelle vicinanze di Downpatrick si trova Inch Abbey, un grande sito monastico in rovina trasformato dai produttori nell’accampamento di Robb Stark (Terre dei Fiumi). Il tempo scorre, mi metto in marcia verso la destinazione successiva : Strangford.

The Cuan, Strangford

La meta finale, di questa seconda giornata in Nord Irlanda, è il “The Cuan”: un pub/albergo che ha ospitato gli attori della serie TV. Le stanze sono identificate, oltre che col numero, con il nome del protagonista accolto all’interno. Ciò che meglio voglio descrivere, però, è il “Banchetto del Re di Grande Inverno“: una cena a tema “Trono di Spade“, con tanto di stoviglie, menù e mantello in stile medioevale.

Vi ho incuriositi? Aspettate di sentire il menù!

Ma andiamo con ordine. Trovo parcheggio proprio di fronte al locale, primo segno positivo di quella che sarà una serata fantastica. Alla reception la proprietaria, una simpaticissima signora, fa gli “onori di casa” chiedendomi se fosse la prima volta che visitavo il Nord Irlanda. Mostra poi, con orgoglio, alcuni cimeli originali della serie TV esposti nel pub. Mi conduce, infine, di fronte alla porta N.1 con incisa la mappa di Westeros. Prontamente timbra il mio passaporto “doors of Thrones” e mi assegna la stanza: la Jon Snow. Le camere sono pulite, ordinate e con il bagno davvero spazioso. Non aspettatevi però gigantografie di attori, draghi o Estranei, dipinti sui muri. La sobrietà la fa da padrona. Finalmente giunge il momento della cena. Consegnano il menu che riporta :

  • Pane fresco croccante con porridge di legumi
  • Tortino di merluzzo su un letto di crema di zucca invernale
  • Pollo arrosto al miele, con cipolle in salsa, accompagnato da patate e carote
  • Mirtilli ghiacciati con crema e biscotti dolci 

“Winter is here”  The Cuan

Beh che dire! Piatti preparati e serviti in maniera deliziosa, dai sapori incredibili. Un’esperienza che, al costo di 90 £ (dormire compreso), consiglio assolutamente di provare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Venturelli Bruno 🇮🇹 (@br1.venturelli)


Castle Ward

Di nuovo in strada, direzione “Winterfell“. Non molto distante dal “The Cuan” si trova “Castle Ward“: un castello del XIII Secolo sotto la tutela della National Trust. Nel parco della fortezza è stato creato, nei pressi della dépendance, il set con gli interni di “Grande Inverno”, la roccaforte degli Stark. Alcuni tour operator locali permettono di provare esperienze a tema che prevedono, tra le altre cose, lezioni di tiro con l’arco proprio dove (nella serie TV) Brann e Arya Stark si allenavano. Per gli amanti dei metalupi…ehmm scusate dei cani, c’è la possibilità d’incontrare e “coccolare” gli amici a quattro zampe protagonisti degli episodi televisivi. Prossima destinazione, Belfast.

Nella capitale del Paese ci sono davvero tantissime attrazioni da visitare anche se la città, purtroppo, è spesso sottovalutata dai turisti. Per oggi è giunto il momento di salutarci, della “culla” del Titanic racconterò nel prossimo articolo.

Potete seguire i miei viaggi anche sui canali social:

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Venturelli Bruno

 

 

 


Musica Italiana, Nuove Uscite. Giulia Ventisette: la cantautrice mette in discussione una delle massime di Darwin con il nuovo singolo

Musica, Nuove Uscite. The Niro: l’italiano che fa rivivere il mito di Jeff Buckley con un songbook-omaggio in collaborazione con Gary Lucas