Salmo è talmente famoso e fondamentale per la scena italiana che una presentazione è superflua. Nel bene e nel male è stato il padre riluttante della Trap, colui che ha contribuito a staccare il rap tricolore dal cordone ombelicale dei centri sociali, un imprenditore pioniere che ha creato una crew che è un’azienda a tutto tondo, capace di fare marketing innovativo per i big e nel contempo di allevare nuovi talenti (Tha Supreme).

Partiamo dagli inediti, che dovrebbero convincere i fan non hardcore a comprare il prodotto. “Charles Manson (Buon Natale2)” in feat con gli inossidabili Nitro, Dani Faiv e Lazza è un ottimo brano antinatalizio. Echi di horror rap si intersecano con una base elettro che non si riesce a scordare. L’anticristianesimo tipico del rap sardo trova qui sfogo in un’enumerazione impietosa dei vizi e delle ipocrisie dell’italiano medio… certo, tutto già ampiamente detto e sentito (dallo stesso Salmo fra l’altro), ma è fatto così bene che volentieri chiudiamo un occhio.

L’altro brano inedito è “Salmo23”, un esercizio di flow su una base lente e ipnotica. La produzione di Strage vale da sola più ascolti: il brano gira anche in versione instrumental non a caso. Una chicca per i fan che ringraziano riverenti.

Passiamo dunque al live album vero e proprio. Cominciamo da “90Min”: apripista che ha scatenato le ire dei fan di Salvini, qui dissato proprio nel pieno della sua popolarità (il brano è uscito quando era ministro dell’Interno). Misto di elettro, rock e conscious rap di marca USA, ci mostra un Salmo a suo agio tanto con il rappato quanto con il cantato, ottimamente supportato dal resto della band. Ormai superate le inevitabili polemiche politiche, lo riascoltiamo a mente sgombra e ci piace ancora tanto: Salmo è da anni capace di tratteggiare in una strofa l’identikit dell’italiano medio (altro che Articolo 31).
“Stai zitto” in feat con Fabri Fibra è ottimo: entrambi i rapper sono a loro agio nell’alternarsi al microfono e la loro prestazione e perfino migliore che su disco.
Per trovare qualcosa di sotto l’ottimo bisogna arrivare a “Cabriolet”: prestazione di Salmo struggente, è l’autotune di Sfera a stonare. Che il King della Trap non sia un mostro di intonazione lo sappiamo, ma un minimo di sforzo dopo 5 anni di onorata carriera lo si potrebbe fare, soprattutto se vuoi stare nello stesso brano di Salmo.
Menzione speciale per l’ultracelebre “Perdonami”: la base di stratosferica di Tha Supreme lancia Salmo nella sua ormai classica invettiva contro la nulla street credibility della Trap all’amatriciana. Tantissima roba. Stesso discorso per “Il cielo nella stanza” con NSTASIA: una delle migliori rap ballad italiane riproposta in versione superba.

In definitiva un ottimo album live, ma questo era quasi scontato per chi segue Salmo da tempo. Gli inediti sono un ottimo incentivo per comprare l’album, magari in versione Deluxe. Un prodotto dedicato ai fan hardcore del rapper sardo con una strizzatina d’occhio agli ascoltatori distratti in cerca di un greatest hits. Da acquistare sicuramente

VOTO: 9/10

AGGETTIVO: MARMOREO

TRACKLIST

  1. Charles Manson (buon Natale2) (feat. Lazza, Dani Faiv, Nitro) – 4:18
  2. Salmo 23 – 2:36
  3. 90min (Live) – 3:53
  4. Stai zitto (Live) (feat. Fabri Fibra) – 3:35
  5. Ricchi e morti (Live) – 2:19
  6. Cabriolet (Live) (feat. Sfera Ebbasta) – 3:49
  7. Sparare alla Luna (Live) (feat. Coez) – 4:05
  8. Papparapà (Live) – 2:08
  9. PxM (Live) – 3:36
  10. Tiè (Live) – 1:18
  11. Ora che fai? (Live) – 2:06
  12. Perdonami (Live) – 2:40
  13. Lunedì (Live) – 3:47
  14. Il cielo nella stanza (Live) (feat. Nstasia) – 6:29

    ALBUM: PLAYLIST LIVE

    ARTISTA: SALMO

    ANNO: 2019

    ETICHETTA: SONY MUSIC

    Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

    Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 


News. Ecco il video della reazione del piccolo Leone (Ferragni-Fedez) all’arrivo di Babbo Natale

News. Incredibile regalo di Fedez a Chiara Ferragni per Natale!