E’ disponibile da oggi, 6 dicembre, sia in digital download e che piattaforme streaming, “Solo”, il terzo dei quattro singoli di “Alessandro”, il nuovo progetto acustico pop-alternative di Ale Ice.

 «“Solo” è una pagina di diario – racconta Ale – È la presa di coscienza del mio essere, una confessione dei miei sbagli che convive con la fatidica domanda: “Poteva andare diversamente”? Nel dubbio il rifugio sarà sempre la musica».

Il brano è distribuito digitalmente da Materiali Musicali, editore e produttore di artisti emergenti del circuito MEI. “Solo” è scritto da Ale Icecomposto da Francesco Perale, registrato, mixato e masterizzato da Gianluca Zanin presso l’Artigian Studio, Berlino.

Le sonorità acustiche e minimali evocano atmosfere intime in cui l’artista si mette a nudo e rivela la sua storia, le sue vicende personali, la sua infanzia e i suoi interrogativi sul presente e sul futuro.

In “Alessandro” l’originaria matrice hip hop dell’artista viene declinata in una nuova chiave cantautorale di genere pop-alternative, mediante la quale ALE ICE denuncia in modo intimo e introspettivo il proprio senso di inadeguatezza nei confronti delle mode e dei costumi che la società attuale gli impone.

«“Alessandro” sono io in musica – spiega Ale Ice, cresciuto in Veneto, nel belluneseÈ un progetto che nasce volutamente minimal, spoglio da mode, e ispirato alla musica degli anni Settanta e Ottanta per concentrarsi unicamente sulla verità dell’essere se stessi. “Alessandro” nasce infatti in un momento in cui guardandomi intorno non facevo altro che sentirmi inadatto, fuori posto, fuori tempo. Ormai la quantità conta più della qualità e per questo motivo ritrovare l’essenza della musica non può che voler dire ridurla all’osso, ai soli due strumenti di chitarra e voce».

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

TAG:
Ale Ice Alessandro Materiali Musicali MEI Solo

ultimo aggiornamento: 06-12-2019


Musica Italiana, Intervista. “Soli” di Tōru: “E’ il primo singolo di un disco molto introspettivo e riflessivo”

Cinema. Mimmo Calopresti e Fulvio Lucisano rendono omaggio all’Aspromonte