Fred Bongusto è morto la notte scorsa nella sua casa romana. Il cantante, che con la leggendaria Una Rotonda sul Mare fece sognare l’Italia degli anni ’60, si è spento all’età di 84 anni.

Alfredo Antonio Carlo Buongusto, questo il suo nome all’anagrafe, era malato da tempo. Nato a Campobasso nel 1935, aveva compiuto 84 anni il 6 aprile scorso. Il cantante e compositore italiano si è spento la notte scorsa, intorno alle 3.30. In una nota l’ufficio stampa dell’artista comunica così la triste notizia: “La notte scorsa, alle 3,30 circa, ha cessato di battere il cuore di Fred Bongusto”.

I funerali saranno celebrati a Roma lunedì 11 novembre, alle ore 15.00, nella Basilica di Santa Maria in Montesanto in Piazza del Popolo, la famosa Chiesa degli artisti.

Dotato di una voce calda e sensuale, Bongusto fu molto popolare negli anni Sessanta e Settanta come il classico cantante confidenziale (una figura che rimanda a quella del crooner nella scena anglo-americana), insieme ad altri colleghi come Teddy Reno, Johnny Dorelli e l’amico Peppino di Capri.

La sua signature song è senza dubbio il brano Una Rotonda sul Mare, musicato e scritto da Aldo Valleroni, Pietro Faleni e Franco Migliacci. Tra gli altri suoi brani più famosi ricordiamo Malaga, Spaghetti a Detroit, Amore fermati, Doce doce, Frida, Tre settimane da raccontare, La mia estate con te, Lunedì e Prima c’eri tu che vinse nel 1966 Un disco per l’estate.

Nel 1976 e nel 1977 incide altri due successi estivi che rimarranno negli anni: La mia estate con te e Balliamo; canzone che verrà poi tradotta in spagnolo e diverrà un grande successo anche in Sud America, specie nell’interpretazione di Manolo Otero. Dagli anni Settanta è stato anche autore di colonne sonore di film, soprattutto nel genere della commedia all’italiana.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Musica Italiana, Concerti. Il tour di Raf ed Umberto Tozzi nel 2020 nei teatri del Bel Paese

Musica Italiana, Nuove Uscite. In Vite Private di Marianne Mirage melodie leggere e intensità narrativa