di Arianna Caracciolo

Jorja Alice Smith (nata 11 giugno 1997) è una cantautrice inglese di Walsall, West Midlands.
La sua anima piena di cadenza jazz, testi sinceri e suono retrò invocano nomi come Lauryn Hill, Alicia Keys, Rihanna e Amy Winehouse, quest’ultimo citato dall’artista di Walsall come la sua più grande influenza.
Le cose sono successe rapidamente dal momento in cui 3 anni fa, la giovane Jorja era appena arrivata a Londra e viveva con la zia e lo zio, lavorando come barista Starbucks. Durante le pause dalla caffetteria registrava testi e video sul telefono e immaginava l’intervista che avrebbe rilasciato quando sarebbe diventata famosa. Era cresciuta in una piccola città chiamata Walsall, dove suonava l’oboe e si ritrovava al deposito degli autobus con i suoi amici. Proviene da una famiglia di artisti, sua madre è una gioielleria, che ha disegnato i delicati anelli e la collana targata indossa ogni giorno, e suo padre, nato in Giamaica, è un musicista, cantante del gruppo neo-soul 2nd Naicha. È cresciuta ascoltando la sua musica, da Black Sabbath and the Slips a Curtis Mayfield ma successivamente i sui gusti la portano a gravitare su Amy Winehouse, in particolare sull’album Frank.

Suo padre è stata la prima persona a rendersi conto, non solo per orgoglio paterno, che poteva davvero cantare. Quando aveva 8 anni, scrisse la recita di Natale per la scuola ma nessuno si presentò ad esibirsi, quindi insistette per suonare tutte le parti lei e finì lo spettacolo cantando “Silent Night”. Ha scritto la sua prima canzone all’età di 11 anni, si chiamava “La vita è un percorso degno di essere preso”. Quando aveva 15 anni, registrò un video su YouTube di cantando una cover di “Too Close” di Alex Clare. Sembra così giovane, non c’è trucco sul viso e indossava una sciarpa di seta color lavanda drappeggiata abbinata ad una maglietta e poi c’è quella voce che pur non essendo ancora così corposa, possiede già le qualità per essere notata, ed è così che attirò l’attenzione del suo attuale manager. Quando si diplomò al liceo, aveva un quaderno pieno di canzoni e l’approvazione dei suoi genitori per saltare l’università e dedicarsi alla musica a tempo pieno. Alcune delle canzoni che Jorja Smith scrisse a 16 anni fanno parte del disco Lost and Found – che descrive come “una raccolta di brani provenienti da diversi momenti della vita, da allora fino a oggi, dai 16 ai 20 anni. Sono sempre gli stessi problemi, non importa quanti anni hai ”, dice.

Joria1

Nel gennaio 2016, pubblica su SoundCloud la sua prima canzone, Blue Lights, seguita da A Prince con Maverick Sabre e Where Did I Go? Canzone scelta dal rapper canadese Drake come il suo brano preferito del momento in un’intervista per un quotidiano statunitense d’intrattenimento. A fine 2016, Smith pubblica l’EP Project 11. Dopo la sua prima serie di pubblicazioni indipendenti, ottiene maggiore visibilità nel 2017 grazie alla collaborazione con il rapper canadese Drake nel brano Get It Together. Pare che nel 2016 Drake sia entrato nell’Instagram di Jorja Smith per chiederle di collaborare ad una canzone dell’album “More Life”. Aveva ascoltato i suoi brani su SoundCloud e in un’intervista su Entertainment weekly Drake dichiarò che una traccia in particolare di Jorja Smith, “Where Did You Go” (una canzone lunatica e minimalista sul superamento di una rottura amorosa) lo ha tenuto sano di mente durante un volo di 18 ore. Voleva la sua voce in un duetto chiamato “Get It Together” ma la Smith inizialmente rifiutò.

“Non riuscivo a cantarlo perché non mi riguardava”, ammette Jorja. “Non avevo scritto io il testo, non sapevo di cosa stava parlando.” Ma subito dopo, lei e il suo fidanzato di allora si lasciarono. Improvvisamente la canzone di Drake, una “dolce” richiesta di fine relazione inizia ad avere  molto senso. “Gli ho messaggiato dicendo” Ehi, c’è ancora spazio per me per quella canzone? ” Lo spazio c’era, e Jorja Smith ha registrato il brano a Londra senza aver mai incontrato Drake. Alcuni mesi dopo, hanno eseguito la canzone insieme sul palco a Londra e poi a Toronto, e i tabloid hanno iniziato a suggerire che i due erano “caldi e pesanti”. Era solo perché “ero una donna che lavorava con una celebrità enorme”, dice. “Ma nah, avevo il mio uomo. Sono felice di aver accettato la sua proposta e gli sono così grata. Un sacco di persone mi hanno scoperta grazie a quella canzone”.

Joria2

Nel marzo 2017, Smith è apparsa in due tracce del mixtape di Drake, More Life. Lo stesso mese, pubblica il singolo Beautiful Little Fools nella Giornata internazionale della donna. Il titolo è un riferimento a Il grande Gatsby, e il video della canzone si svolge al Rivoli Ballroom di Londra, interpretando personaggi di diversi livelli della società. Nel corso del 2017, Smith è stata eletta dalla stampa britannica, dalla BBC e da Evening Standard come una delle artiste più promettenti del Regno Unito. Nel 2018 si aggiudica il premio della critica nell’ambito dei BRIT Awards e nel mese di Aprile pubblica l’album in studio di debutto Lost & Found, accolto positivamente da pubblico e critica, che le procura la sua prima candidatura ai prestigiosi Grammy Awards nel 2019. Nel corso del 2019 pubblica la hit Be Honest in collaborazione con Burna Boy.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 Photo: Geordie Wood

TAG:
Jorja Smith

ultimo aggiornamento: 10-04-2020


Coronavirus, regione per regione ecco dove i casi aumentano o calano. E a sorpresa non è la Lombardia la più colpita

Uomini e Donne ritorna in tv. Pronta la messa in onda dal 20 di Aprile