Ancora una volta, nel mirino delle autorità francesi sono finiti due dei più grandi colossi tech, Google e Amazon, che hanno violato le norme francesi sui cookies (attraverso cui le aziende raccolgono dati delle ricerche e degli interessi degli utenti per targettizzare la vendita di prodotti). I cookies delle aziende statunitensi infatti non richiedono il pieno consenso obbligatorio per la diffusione delle informazioni e sarebbero anche poco chiari nell’informare i clienti e gli utenti.

Google dovrà pagare una multa da 100 milioni di euro, mentre Amazon da 35 milioni. I due colossi sono stati inoltre sollecitati a modificare i banner informativi entro tre mesi, pena 100 mila euro per ogni giorno di ritardo.

Le due aziende hanno molto potere economico in Francia, e mentre Google ha una quota degli acquisti online superiore al 90%, Amazon detiene il 20% del mercato.

L’annosa questione delle tasse ai colossi informatici ha mosso il governo francese già anno scorso, quando è stata emanata una tassa del 3% per Google, Amazon, Apple e Facebook, che in questi giorni, tra l’altro, sta avendo problemi con l’antitrust americano per aver acquisito le concorrenti Whatsapp e Instagram, probabilmente per timore di essere surclassata.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

 

TAG:
AMAZON Francia Google

ultimo aggiornamento: 10-12-2020


X Factor 2020: una playlist condivisa per i 4 giudici

OA PLUS ITALIAN CHART (WEEK 44/2020): Sissi domina ancora una volta assieme a Diodato e Galea