Il loro nome oramai sta spopolando ovunque e soprattutto in quella parte d’Europa dove pochi, prima d’ora, erano riusciti a svettare nelle classifiche: i Maneskin, infatti, dopo la vittoria all’Eurovision Song Contest con il brano “Zitti e Buoni”, stanno peregrinando di nazione in nazione riscuotendo un successo che sta andando oltre ogni rosea previsione superando nelle vendite anche artisti statunitensi come Justin Bieber e Taylor Swift.

E, a seguito di tanto successo, secondo un’indiscrezione bomba, un grande personaggio della musica internazionale avrebbe messo gli occhi sulla band tanto da voler intraprendere un percorso di management con i quattro ragazzi romani, uno che di musica, a dirla tutta, ne capisce e nemmeno poco: Simon Cowell. La notizia, trapelata negli ambienti musicali, troverebbe credibilità anche a seguito del rapporto che i Maneskin avrebbero interrotto con la loro manager, Marta Donà, proprio una settimana fa.

A lanciare l’indiscrezione di una possibile collaborazione tra la rock band ed il creatore di X Factor, è stato il New York Times che, a firma della giornalista Elisabetta Povoledo, ha dedicato un approfondimento sulla carriera e sull’esplosione musicale dei vincitori dell‘ESC. A confermare la rottura con la ex manager ci ha pensato la stessa attraverso un post su Instagram dove ha espresso tutto il rammarico per la fine del loro idillio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marta Donà (@martalatarma)

“Abbiamo trascorso 4 anni indimenticabili pieni di sogni da esaudire e di progetti realizzati. Io vi ho portato fino a qui. Da adesso in poi avete deciso di proseguire senza di me. Ho il cuore spezzato ma vi auguro il meglio dalla vita ragazzi”, scrive la ex manager.

Sarà davvero Simon Cowell, a questo punto, il nuovo pigmalione dei Maneskin? E quale futuro ancor più brillante li attenderà? 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Simon Cowell (@simoncowell)

 

AP Photo/Peter Dejong


Perfido delitto: uccide il marito con acqua bollente e zucchero mentre dorme. L’uomo morto dopo cinque settimane di atroce agonia. Assurdo il movente

Ivan Cattaneo, 10 nuove versioni di “Polisex”, il primo brano sulla fluidità di genere pubblicato 40 anni fa