Via libera definitivo della Camera al dl sulle crociere in laguna. Previste, però, tappe intermedie per l’attuazione della norma.

Crociere stop a Venezia

Le navi dal crociera si allontaneranno da Piazza San Marco e dalla laguna. Ci vorranno anni, in ogni caso, nonostante l’ok alla legge arrivato ieri sera. Dopo il blocco delle crociere provocato dalla pandemia da Coronavirus, il prossimo 5 giugno arriverà a Venezia (transitando per il bacino di San Marco e il canale della Giudecca) la prima nave della stagione: MSC Orchestra. Quest’ultima, paradossalmente, potrebbe essere accolta da una doppia manifestazione: da un lato il movimento contro i “colossi del mare” e dall’altro gli operatori portuali legati al settore (che potranno finalmente tornare a lavorare).

L’autorità portuale della città, entro fine maggio come stabilito dal Decreto, dovrà bandire un concorso internazionale di idee per l’elaborazione di proposte e progetti, di fattibilità tecnica ed economica, per il terminal in mare (fuori dal centro), destinato alle navi da crociera di stazza oltre le 40 mila tonnellate. Alcuni progetti, in passato, erano già stati presentati come ad esempio il “Venis Cruise”: quattro attracchi alla bocca di porto del Lido.

Nella prossima stagione estiva, con il mercato in cerca di una lenta ripresa, i passaggi saranno limitati: circa 3 navi alla settimana. Continueranno, come sempre, lungo il solito percorso. C’è allo studio, però, una soluzione transitoria, forse praticabile già dal 2022, che potrebbe permettere l’arrivo delle navi a “Porto Marghera”, evitando così il passaggio davanti a Piazza San Marco.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Shutterstock.com

 

 

 

 

 


Coronavirus, l’Australia non riaprirà ai viaggiatori fino al 2022

Marisa Laurito da Peter Gomez confessa: “Per togliere la “r moscia” ho tentato anche con un vibratore”