La compagnia italiana Costa Crociere, dedicata ai viaggi sul mare, prosegue il suo piano di ripartenza, dopo l’emergenza Covid, organizzando i viaggi del 2022

Costa Crociere riparte con la flotta al completo

Il 5 marzo sarà una data importante per la società Costa Crociere. Quel giorno, infatti, salperà per il suo primo viaggio il nuovo “colosso del mare”: Costa Toscana. Poi, un numero sempre crescente di navi della compagnia tornerà ad operare, aggiungendosi a quelle già attualmente in servizio. Nella prossima estate, infatti, l’intera flotta Costa sarà nuovamente operativa (come riportato da ANSA).

Il programma prevede oltre 1.800 crociere da primavera 2022 all’inverno 2022/2023: 179 destinazioni in tutto il Mondo, tra le quali alcuni novità in Turchia.

Programma ripartenza

Il programma di ripartenza prevede:

  • Costa Favolosa 28 aprile: “mini crociere” nel Mediterraneo
  • Costa Venezia 1 maggio: da Istanbul itinerario di una settimana in Turchia e Grecia
  • Costa Smeralda 7 maggio: itinerario di una settimana nel Mediterraneo occidentale
  • Costa Pacifica 4 giugno: da Bari alla scoperta di Grecia e Malta
  • Costa Luminosa aprile/maggio: isole Canarie e isole Azzorre
  • Costa Fortuna 12 giugno: Nord Europa

Dopo la stagione invernale in Sud America, rientreranno nel Mediterraneo anche Costa Diadema e Costa Deliziosa. Costa Firenze invece, terminata la stagione a Dubai, sarà a Genova il 7 aprile, per iniziare il suo programma di crociere in Spagna, Italia e Francia.

Su tutte le navi resterà in vigore il Costa Safety Protocol, il protocollo sanitario contro il Coronavirus.

Crediti Foto: Shutterstock.com

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

TAG:
Costa Crociere ripartenza

ultimo aggiornamento: 15-02-2022


Cesena, aggredita a calci e pugni e stuprata mentre passeggia sulle rive del fiume: è caccia al violentatore

Il delitto di San Valentino: ucciso con due colpi di pistola in strada a Roma, esecuzione davanti alla porta di casa. E’ giallo sulla morte di Paolo Corelli