Rischio di passaggio alla zona arancione per le Regioni Umbria, Toscana, Abruzzo, Basilicata e Liguria, a seguito dei bollettini e dei dati usciti in questi giorni che segnano un peggioramento dell’andamento epidemiologico.

Il passaggio alla zona arancione partirà da mercoledì 11 novembre e la scelta è determinata dai dati giunti al governo nelle ore precedenti. Questa è l’ordinanza firmata con la nuova categorizzazione dal ministro Della Salute, Roberto Speranza.

Questo passaggio introduce nuove restrizioni a quelle già presenti. Di fatto, nelle regioni arancioni:

  • sarà vietato uscire ed entrare dalla Regione (ad eccezione per comprovati motivi di lavoro, salute e necessità)
  • saranno vietati gli spostamenti tra Comuni (salvo per comprovati motivi di lavoro, salute, necessità e per usufruire dei servizi non presenti nel proprio Comune)
  • saranno consentiti spostamenti necessari per svolgere la didattica in presenza e sarà consentito il rientro presso il proprio domicilio o la propria residenza.
  • chiuderanno bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie. Potranno consegnare a domicilio oppure offrire servizio d’asporto

Domani, invece, si discuterà per decidere il passaggio della Regione Campania dalla zona gialla alla zona rossa. “L’ha chiesto il governatore Vincenzo De Luca e noi siamo stati d’accordo sulla necessità i approfondire il quadro per decidere in che fascia deve stare la Regione” ha dichiarato Speranza.

Crediti foto: LaPresse


Vaccino anti-Covid, storico annuncio di Pfizer. “Il nostro efficace oltre il 90%, entro due mesi pronte 20 milioni di dosi”

Coronavirus, bollettino di oggi 9 novembre