Ecco le disposizioni del Ministero dell’Interno per le forze dell’ordine. Particolare attenzione anche sulle “riunioni” in luoghi privati e nei locali chiusi ma aperti a feste private

Controlli mirati

Dal 31 dicembre l’Italia tutta tornerà in “zona rossa“, come previsto dal decreto di Natale. Vietato, dunque, spostarsi anche all’interno del proprio Comune se non per ragioni di lavoro, salute o necessità e urgenza. Sono chiusi tutti i negozi tranne gli alimentari, le farmacie, le parafarmacie, le edicole, le tabaccherie e le attività di servizi alla persona (barbieri e parrucchieri). Il Viminale ha disposto controlli mirati delle forze dell’ordine per la serata di Capodanno. Particolare attenzione sarà data agli spostamenti e alla presenza di più di due persone a bordo delle auto. Secondo le prime indiscrezioni, le verifiche delle autorità si concentreranno su eventuali segnalazioni di riunioni in luoghi privati (non autorizzati), su attività di locali apparentemente chiusi ma aperti a feste private, sulle ville affittate per l’occasione e sull’esplosione di fuochi d’artificio.

Multe aumentate

Cosa cambia negli spostamenti tra Regioni? In questo caso (oltre a motivi di lavoro, salute o necessità) resta valida la motivazione del rientro presso la propria abitazione (domicilio o residenza). Solo il 6 gennaio ci sarà il “via libera” agli spostamenti tra Regioni in “zona gialla”. Non tutti sanno, però, che la sanzione applicabile, da 400€ a 1.000€, può essere eventualmente aumentata fino ad un terzo se la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo”. Motivo più che valido, quindi, per rispettare le regole.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Shutterstock.com

 

 


Coronavirus, già vaccinate 500mila persone in Israele

OA PLUS MUSIC AWARDS 2020. Chi sono i “Migliori Cantanti Rivelazione” dell’anno? Vince Aiello – ECCO LA TOP 10