Dopo mesi alla ricerca del giusto compromesso, l’annosa situazione della Brexit sembra aver finalmente trovato il proprio esito più pacifico. L’intesa, che entrerà in vigore a gennaio, prevede un accordo di libero scambio che salvaguarderà sia l’economia inglese che quella europea.

Il documento, di più di 2000 pagine, dovrà essere discusso dal Parlamento europeo, e prevede, per gennaio 2021, l’uscita del Regno Unito dal mercato unico e dall’unione doganale, e servirà, a precisato Boris Johnson, a “difendere i posti di lavoro” in Uk e a “riprendere il nostro destino nelle mani”, tanto più ora che il punto n.1 dell’agenda è la lotta al coronavirus, e L’Uk si è già dimostrata autonoma nella scelta della data di inizio della campagna vaccinale.

la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen non si è mostrata meno ottimista, e ha affermato: “Abbiamo finalmente trovato un accordo, è buono, equilibrato e la cosa più responsabile da fare per entrambe le parti”. Parlando di “negoziati difficili” ha però detto di lasciarsi la Brexit alle spalle. Ora Ue e Uk saranno partner nella difesa di valori comuni, e in particolare nella lotta al cambiamento climatico e alla preservazione dei diritti fondamentali: “Ora è tempo di voltare pagina e guardare al futuro, il Regno Unito è un Paese terzo ma resta un partner, condividiamo gli stessi valori e interessi, staremo spalla a spalla per ottenere obiettivi comuni”.

Ora Consiglio e Parlamento dovranno esaminare l’accordo in ogni sua parte, e l’intesa raggiunta oggi, che scongiura il tanto temuto divorzio senza patti, sarà solo l’inizio di un processo lungo che prevede l’entrata in gioco di tutti gli attori politici. Tra le novità ad aver colpito negativamente i politici Ue, il rifiuto da parte della Gran Bretagna a partecipare al programma Erasmus: “il Regno Unito ha deciso che non parteciperà al programma Erasmus” e “ce ne dispiace”.

Tripudio del premier inglese Boris Johnson, che twitta una foto con i pollici all’insù, con su scritto “The Deal is done”.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

foto: LaPresse


Carmine Tundo: da La Municipàl a Diego Rivera. Esce l’album “Gran Riserva” – GUIDA ALL’ASCOLTO

OA PLUS ITALIAN CHART (WEEK 46/2020): La Municipàl spodesta Sissi. Tricarico e Roberto Angelini avanzano