Ecco la nuova rubrica 80PARADE Cosa resterà degli anni 80? con 5 brani tratti dalle classifiche settimanali e annuali italiane degli anni ‘80.

Un’occasione imperdibile per riscoprire canzoni e artisti che hanno segnato un’epoca che sta vivendo un momento speciale di rivalutazione.

 Questa settimana la personalità di Alberto Fortis, un successo senza tempo di Paola Turci, il duetto firmato da Tony Renis per Julio Iglesias e Diana Ross e il sound tipico degli A-Ha e degli Wham!.

Prendimi fratello – Alberto Fortis [#28, 1980]

Singolo pubblicato nel 1980 dal cantautore Alberto Fortis e contenuto nell’album “Tra demonio e santità“, un concept-album focalizzato sull’interazione e sul dialogo tra il bene ed il male.

Bambini – Paola Turci [#10, 1989]

Tratto dal secondo album di Paola Turci, “Bambini” è la canzone (scritta da Righini e Rizzo) con cui la cantautrice ha partecipato al Festival di Sanremo del 1989 aggiudicandosi il Premio della Critica nella sezione Emergenti.

All of you – Julio Iglesias & Diana Ross [#5, 1984]

Tony Renis è tra gli autori di questo duetto internazionale del 1984 tra il divo Julio Iglesias e la protagonista del soul americano Diana Ross: “All of you” è entrato nelle classifiche di mezzo mondo arrivando al primo posto in Spagna.

The Living daylights – a-ha [#3, 1987]

La band norvegese a-ha, pubblica nel 1987 “The living daylights“, brano portante del film “007 – Zona pericolo(The Living Daylights)”, incluso anche nel terzo album del gruppo “Stay on These Roads”.

I’m your man – Wham! (1985) [#2, 1986]

George Michael nel 1985 compone per il suo duo Wham! il brano “I’m your man” che viene inserito nell’album “Music from the Edge of Heaven”, pubblicato l’anno successivo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


LIVE EUROVISION SONG CONTEST 2021. La puntata della prima semifinale di martedì 18 maggio

Addio a Franco Battiato, il cantautore del pop dalle meccaniche divine. Il cordoglio sui social dei colleghi