Scopriamo chi vince la quarta sfida dei sedicesimi di finale di “Vorrei cantarti fra cent’anni”  tra Elisa e Giorgia

Vorrei cantarti fra cent’anni, il contest sanremese di OA Plus per decretare la “canzone più bella” della storia del Festival della Canzone Italiana di Sanremo continua e si fa sempre più appassionante. Dopo la prima fase di eliminazioni, siamo giunti ai sedicesimi di finale in cui continueranno a sfidarsi tutti i brani sanremesi ancora in gara.

Per la sfida numero quattro dei sedicesimi, dopo aver battuto i colleghi “avversari” nella fase dei trentaduesimi, tornano sul nostro palco virtuale Elisa e Giorgia, di nuovo l’una contro l’altra proprio come nell’indimenticabile edizione del 2001.

SFIDANTE | ELISA

Dopo aver battuto Alice con la sua “Per Elisa”, scritta da Franco Battiato, la cantante di Monfalcone torna sul palco virtuale del nostro contest con il suo unico brano sanremese della storia del Festival, Luce (tramonti a nord est).

Elisa debutta nel mondo della discografia nel 1997 in inglese con il suo album cult “Pipes & flowers”. Qualche anno dopo rilascerà il suo secondo disco, “Asile’s world” che in seguito alla partecipazione al cinquantunesimo sanremo arricchirà con il suo primo gioiellino in lingua italiana. Scritta da Elisa e tradotta insieme alla mamma (che non compare tra le firme ufficiali), il brano vede la partecipazione autoriale di Zucchero Fornaciari che trasformò “Come speak to me” in “Luce (Tramonti a nord est)” e la frase “Siamo nella stessa lacrima” rese il ritornello vincente.

Elisa vinse così il suo primo e unico Sanremo in qualità di concorrente e da lì decollò la sua inarrestabile carriera. Nel video del brano, diretto dal regista Luca Guadagnino, la cantante affronta a mosse di wushu l’attore Giorgio Pasotti, mentre il sole – proprio come nella canzone – tramonta nella sua terra d’origine e parla di lui.

SFIDATA | GIORGIA

Elisa e Giorgia sono state le iconiche protagoniste di Sanremo 2001. Prima e seconda classificate, entrambe interpretano sul palco del Teatro Ariston due grandi canzoni ed entrambe firmate da Zucchero. Canzoni che hanno fatto la storia del Festival, tanto da essere ancora oggi tra i brani più citati e cantanti; oltre ad essere delle pietre miliari della discografia delle due grandi voci italiane.

Quello con Di sole e d’azzurro rappresenta per Giorgia un momento importante al Festival della Canzone Italiana, a cui deve l’inizio della sua sfavillante carriera. Infatti quella del 2001 è la sesta ed ultima partecipazione in gara nella nostra kermesse canora. Dopo il secondo posto, proprio dietro Luce di Elisa, infatti, tornerà a Sanremo solo da super ospite. Se il pezzo da Elisa è stato riadattato dall’inglese all’Italiano, Giorgia con Di sole e d’azzurro, che vede la firma anche di Matteo Saggese e Mino Vergnaghi, ha fatto il percorso inverso. Del brano, esiste anche una versione registrata a in inglese, dal titolo “With you”.

ESITO | QUARTA SFIDA

La redazione di OA Plus e i giurati di qualità non smentiscono la vittoria di Elisa del 2001 e con Luce (tramonti a nord est) la portano alla vittoria anche nel nostro contest “Vorrei cantarti fra cent’anni”. Giorgia, con l’altrettanto bella Di sole e d’azzurro, deve rassegnarsi ad essere ancora una volta sconfitta dall’amica e collega Elisa.

COMMENTI | GIURIA

Andrea Direnzo: Il primo amore non si scorda mai… Giorgia e la sua “Di sole e d’azzurro”. Per il talento, per l’emozione, per i miei anni più spensierati. Per tutto ciò che ha significato Giorgia per la mia generazione e, per certi versi, che sempre significherà.

Alberto Barina: Elisa indubbiamente… sono un po’ di parte essendo a nordest, ma al di là di questo ha una costruzione più accattivante sia nel testo che nell’arrangiamento rispetto al brano di Giorgia.

Timothy Cavicchini: “Luce”, invincibile Elisa!

Juary Santini: “Luce” di Elisa, la canzone che mi ha legato a questa meravigliosa cantante in modo speciale. Con tutto l’amore per Giorgia e “Di Sole e d’azzurro”, “Luce” ha qualcosa di speciale e prezioso; ha qualcosa in più. Il fatto che sia stata reinterpretata da grandi come Mango, e che anche quest’anno verrà riproposta proprio a Sanremo… racconta tanto di questa canzone senza tempo, che resterà per sempre “come il vento fra gli alberi”.

CLICCA QUI per approfondire su tutti i GIURATI SPECIALI del contest.

VOTI | GIURIA

Luce (tramonti a nord est): 21 (Roberta Giallo, Antonella Arancio, Daniela Pedali, Veronica Ventavoli, Alberto Barina, Patrizia Cirulli, Frank Nemola, Mattia Ottavio Sammarco, Eleonora Magnifico, Timothy Cavicchini, Maurizio Meli, Giuseppe Salpietro, Antonio Toni, Elisabetta Guido, Claudia Casciaro, Enrico Spada, Margherita Ventura, Juary Santini, Roberto Santangelo, Simona Bastiani, Fabrizio Testa).

Di sole e d’azzurro: 17 (Michele Monina, Andrea Direnzo, Silvia Anglani, Massimo Luca, Emily De Salve, Federio Stefani, Dario Gay, Roberta Faccani, Giacomo Fronzi, Giovanni Cirfiera, Roberto Costa, Cecilia Leo, Andrea Baldinazzo, Ugo Stomeo, Andrea Butera, Francesca Amodio, Claudio Bolognesi).

THE WINNER IS…

LE SFIDE DI DOMANI

16MI DI FINALE: LASCIARSI UN GIORNO A ROMA di Niccolò Fabi VS. OGGI SONO IO di Alex Britti

LASCIARSI UN GIORNO A ROMA di Niccolò Fabi Lasciarsi un giorno a Roma di Niccolò Fabi è stato presentato al Festival di Sanremo 1998, quarantottesima edizione. Il brano è stato scritto dal cantautore romano con Riccardo Sinigallia e Cecilia Dazzi e si classificò all’undicesimo posto.

Nella fase dei trentaduesimi ha vinto il “duello musicale” contro Babilonia di Diodato. CLICCA QUI per approfondire.

OGGI SONO IO di Alex Britti Oggi sono io di Alex Britti ha partecipato al Festival di Sanremo 1999, quarantanovesima edizione. Scritto da Britti, trionfa nella categoria “Giovani”.

Nella fase dei trentaduesimi ha battuto Samuele Bersani con Replay. CLICCA QUI per approfondire.

16MI DI FINALE: VACANZE ROMANE di Matia Bazar VS. UOMINI SOLI di Pooh

VACANZE ROMANE di Matia Bazar – I Matia Bazar, con la voce di Antonella Ruggero, portano in gara Vacanze Romane al Festival di Sanremo 1983, trentatreesima edizione. Scritta da Giancarlo Golzi e Carlo Marrale, la canzone si classifica ad un passo dal posio; ovvero in quarta posizione.

Nella fase procedente di “Vorrei cantarti fra cent’anni” ha vinto la sfida con “Io confesso” de La Crus. CLICCA QUI per approfondire.

UOMINI SOLI Di Pooh – l’evergreen dei Pooh partecipa al Festival di Sanremo 1990, edizione numero 40. Uomini soli, firmata Facchinetti-Negrini, vince quell’edizione e rappresenta l’unica partecipazione alla kermesse canora nazionale della storica band.

Nella fase dei trentaduesimi ha battuto Bindi feat. New Trolls con “Letti”. CLICCA QUI per approfondire.

Chi vincerà le prossime sfide di “Vorrei cantarti tra cent’anni”? Continuate a seguire QUI su OA Plus per scoprirlo!!

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

 

 

 


Musica Italiana, Recensioni. Enzo Dong, “Dio perdona io no”: l’epica dell’identico

Musica, Sanremo 2020. Ecco altri tre duetti per la serata del giovedì