Ultimo sfora un nuovo singolo in zona di confort, “Ti va di stare bene“, premendo l’acceleratore sulle sue peculiarità più importanti

TI VA DI STARE BENE| LA RECENSIONE

Diciotto dischi d’oro, cinquantatré dischi di platino, un tour negli stadi andato talmente bene da ripianificarne un altro per l’anno prossimo. Quella di Ultimo non è musica, ma un abbraccio collettivo, come dimostra anche “Ti va di stare bene“, il nuovo singolo rilasciato dal cantautore romano il 28 ottobre per la propria etichetta indipendente, L’Ultimo Records.

Si tratta di un pezzo ad ampissimo raggio, contraddistinto dalla solita caratura muscolare in crescendo tipica dell’artista, il quale ha confezionato un vero e proprio passaggio da stadio, ideato e concepito per essere cantato a squarciagola dal pubblico nelle mega venue su una struttura sonora che schiaccia l’occhio a un pop rock standard ma ideale per veicolare al meglio il proprio messaggio.

Si rivolge nuovamente ai propri fan il cantante, dispiegando sulla produzione del bravo Andrea Rigonat il suo concetto d’amore, sciorinato in accezione positiva, usando parole semplici ma dirette, perfette per far entrare gli ascoltatori al centro della canzone con una grande empatia.

Ecco, è proprio questa la grande forza di Ultimo, uno dei pochi esponenti del mainstream a saper entrare nelle viscere di una generazione Nazional Popolare, occupando dunque un ruolo non battuto da nessun altro e utilizzando con arguzia alcuni sentimenti melodrammatici tipici di alcuni artisti partenopei (pensiamo all’impatto di Gigi D’Alessio, uno che a prescindere dai gusti sa come entrare nel cuore della gente), coniugandoli con la lezione dei grandi miti nostrani, pensiamo ad esempio a Ligabue; è musica per teenager, certamente, ma attenzione a sottovalutare chi riesce a coinvolgere così tante persone con così tanta disarmante semplicità. Un difetto? Spesso si accartoccia sulle stesse formule, rischiando di diventare prevedibile.

VOTO: EMPATICA

AGGETTIVO:  6+

ARTISTA: ULTIMO
SINGOLO: TI VA DI STARE BENE
ANNO: 2022
ETICHETTA: ULTIMO RECORDS
AUTORI: NICCOLO’ MORICONI, RIGONAT

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Con A long goodbye Gianluca Grignani dimostra di avere ancora tanto da dare (e da dire)

Aiello e la sua idea di pop in “Paradiso”