LONG JOHN SILVER | LA RECENSIONE

La straordinaria influenza del nuovo Jazz britannico e statunitense, al contrario di ciò che pensa Morgan – che giovedì scorso ad AmaSanremo, commentando l’ottima performance di Davide Shorty, ha etichettato tra le righe il genere come “vecchio” – sta servendo da ispirazione a tantissimi musicisti sparsi per il mondo, elettrizzati dalle accattivanti nuove sonorità che prendono la cellula primigenia mischiandola con la contemporaneità del mondo urban provenienti soprattutto da Londra e dalla lezione di artisti diventati in un lasso di tempo molto breve concreti punti di riferimento, basti pensare a Kamaal Williams, Yussef Dayes, Ezra Collective, Moses Boyd, ma anche agli statunitensi Derrick Hodge e Robert Glasper, quest’ultimo un vero e proprio mito vivente, o ai canadesi BadbadNotGood.

Da questa scia si è formato nel 2017 a Milano un gruppo di straordinario interesse, gli Studio Murena, collettivo che si è ritagliato uno spazio importante nell’ultimo anno grazie a brani di grande impatto come “Arpa e tamburo“, “Password“, “Marmo“, “Eclissi” e, non ultimo, “Long John Silver, il nuovo singolo, il quinto, pubblicato il 24 novembre 2020 per Costello’s Records/The Orchards.

Nell’ultima creazione della band atmosfere puramente ambient jazz, inframezzate da breakbeat, si adagiano perfettamente sulle metriche mai banali del davvero bravissimo MC Carma, creando una formula con praticamente nessun eguale in Italia. l’arrangiamento, intricatissimo e maledettamente accattivante, va infatti a unirsi con un tipo di flow energico e molto riconoscibile, che accontenta gli amanti del genere e, soprattutto, incuriosisce chi ancora non è a conoscenza dell’evoluzione del jazz, ad oggi modernissimo e a all’avanguardia. Originale anche la citazione del protagonista del pezzo, Lord John Silver, personaggio di fantasia partorito dalla mente di Robert Louis per i romanzi de “L’isola del tesoro, un temibile pirata dalla gamba di legno in grado di fare paura persino al capitano Flint.

Tra cambi di tempo e armonie complesse, impreziosite da una intro da brividi, il gruppo riesce nel difficile intento di far apparire semplici anche i passaggi più difficili, creando una tessitura musicale unica e difficilmente imitabile, caratteristica che può riuscire solo ai più bravi. Da ascoltare, e riascoltare.

VOTO: 10/10

AGGETTIVO: NUOVO

ARTISTA: STUDIO MURENA

SINGOLO: JOHN LONG SILVER

ANNO: 2020

ETICHETTA: COSTELLO’S/THE ORCHARD

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Classifica Radio EARONE Airplay Italiana, week 49. Fedez ritorna in vetta ed Elodie brinda al suo successo

Erminio Sinni a “The Voice Senior”: chi è il concorrente di Loredana Bertè