Tra le voci più fascinose ed iconiche della discografia nostrana, quello di Antonella Ruggiero è un nome scolpito negli ascolti transgenerazionali, senza dubbio alcuno.

Estremamente versatile, camaleontica, con un’estensione vocale da far invidia, la Ruggiero negli anni ha saputo reinventarsi magnificamente, sempre con classe e, soprattutto, credibilità. Frutto di continua ricerca e sperimentazione è un suo splendido lavoro del 1999, “Sospesa”: dieci tracce in italiano più una in inglese, “And will you love me”, vanno a comporre quello che senza indugio si può considerare un vero e proprio gioiellino della produzione della Ruggiero. Il pop di “Sospesa” infatti sposa le sonorità più disparate: si va dal sound immaginifico e orientaleggiante de “Ipnotica, Magnetica” alle acustiche figlie in anticipo di quel pop melodico degli anni zero di tracce quali “Non dirmi dove, non dirmi quando”, “Inafferrabile”, passando per l’estasi di “Controvento” fino allo sperimentalismo simil elettronico de “Di perle e inverni”.

L’ex Matia Bazar sonda le più variegate e variopinte strade in questo suo terzo disco solista fuori per la Universal e le imbrocca tutte magnificamente, avvalendosi, tra gli altri, di musicisti-eccellenze quali nientedimeno che Paolo Costa al basso, Silvio Pozzoli alle chitarre acustiche e alla dodici corde, Roberto Colombo alle tastiere e, ciliegina sulla torta, Ennio Morricone agli archi.

L’orchestra di archi, diretta dal maestro Carlo Cantini, conferisce indubbiamente quel quid in più ad un disco già magistralmente composito e pregno di atmosfere sognanti, che nonostante la densità molteplice di suoni mai risulta stucchevole o ridondante. “Sospesa” infatti è un lavoro superlativo che si lascia ascoltare con estremo trasporto e che, a più di due decadi dalla sua uscita, si rivela più che mai moderno e all’avanguardia, non in ultimo anche nella scrittura testuale, sempre peculiare e, nella punta di diamante “Di perle e inverni” più che mai (non a caso il brano fu scritto da Giovanni Lindo Ferretti).

Ci sono dischi insomma che non conoscono epoche, spazi, anni e dimensioni, e senza dubbio questo di Antonella Ruggiero rientra appieno nella suddetta categoria: quasi un’ora di totale rapimento estatico che ancora oggi fa scuola a molti, o perlomeno dovrebbe.

VOTO: 8/10

AGGETTIVO: SUBLIME 

TRACKLIST:

  1. Inafferrabile
  2. Non dirmi dove, Non dirmi quando,
  3. Non ti dimentico
  4. Sospesa
  5. Controvento
  6. Nonsenso
  7. 1999
  8.  Ipnotica, Magnetica
  9. Mille molecole
  10. Di Perle e Inverni
  11. And Will You Love Me

 

ALBUM: SOSPESA

ARTISTA: ANTONELLA RUGGIERO

ANNO: 1999

ETICHETTA: UNIVERSAL

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su TWITTER

Clicca qui per seguire UGO STOMEO su INSTAGRAM

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


VideoIndieMusicLike, Diodato comanda l’onda lunga sanremese che occupa l’intero podio

Brunori Sas, è sua la vetta della Indie Music Like, con Ghali e Levante alle sue spalle