MASSIMO DI CATALDO

Il mio tempo

 (Epic/Sony Music, 2001)

Vita e musica non si fermano, nonostante il momento non sia buono. Anzi, in tempi non favorevoli, dove molte attività sono bloccate e chi vive d’arte ha visto – dalla sera alla mattina – il proprio lavoro sbriciolarsi, è necessario trovare nuove strade da percorrere. La tecnologia è di grande aiuto, in casi come questo. Ne sa qualcosa Massimo Di Cataldo che, insieme a un collettivo di musicisti formato da Alessio Pizzotti (pianoforte), Alberto Lombardi (chitarra), Ingo Peter Schwartz (basso) e Fabio Giandon (batteria), ognuno suonando da casa sua, ha dato nuova anima a una delle più belle canzoni degli anni ‘60, Il mondo, lanciata da Jimmy Fontana nel 1965. Il brano, disponibile dal 27 marzo su tutti i digital store, «è ora più che mai attuale – dice il cantautore romano – nei confronti di un mondo che non si vuole fermare e vive con la speranza che anche dopo questa notte verrà il giorno».

Cogliendo la notizia al volo e assaporando questa bella rilettura, l’occhio di bue di DiscoTechè si ferma volentieri a illuminare Il mio tempo, primo “The Best” di Massimo Di Cataldo pubblicato nel 2001 e contenente 14 successi più 2 nuove canzoni, come riportato in copertina. Dopo un periodo denso di soddisfazioni, è già tempo di un primo bilancio – più che positivo – per il nostro, sicuramente indotto dal cambio di etichetta discografica. All’interno della raccolta ci sono tutti i passaggi più significativi di sette anni in musica, partiti dalla vittoria nella sezione “Cantautori” a Sanremo Giovani 1994 con Soli. A seguire la partecipazione al Festival ‘95 con Che sarà di me che gli regala il secondo posto nelle “Nuove Proposte” ma soprattutto grande riscontro di pubblico. Un bell’album pubblicato (non solo in Italia ma in 35 paesi del mondo, addirittura in lingua spagnola in Spagna e America Latina) subito dopo la kermesse, Siamo nati liberi, ricco di collaborazioni importanti: Renato Zero (coautore e voce in Fine corsa), Eros Ramazzotti (coautore e cori in Una ragione di più) ed Enrico Ruggeri (coautore in Se non avessi te), oltre alle firme di Vincenzo Incenzo e Laurex, gli arrangiamenti di Phil Palmer, la produzione di Marco Patrignani.

Scorrendo i titoli, l’ascolto prosegue con Se adesso te ne vai, stavolta da “Campione” a Sanremo ‘96, altro successo timbrato. Due gli episodi tratti dall’album Anime, griffato nuovamente da Phil Palmer: Con il cuore (versione italiana di Precious Moments degli inglesi Climie Fisher) e la significativa title track cantata insieme a Youssou N’Dour. La traversata tocca Camminando, Senza di te e Cosa rimane di noi, valido trittico estrapolato dal terzo disco Crescendo (ancora marchiato Phil Palmer) datato 1997. Trascorrono due anni prima di ritrovare Massimo sul palco dell’Ariston con Come sei bella, brano che insieme a Non ci perderemo mai e Ragazza fa parte di Dieci, quarto capitolo discografico uscito nel 1999 e prodotto in Inghilterra, al Real World Studios di Peter Gabriel. La collezione è impreziosita da due inediti, Il mio tempo e Un giorno vorrei…, a inizio e a conclusione, quasi a voler racchiudere i suoi “gioielli”.

Tra alti e bassi, salite e discese, periodi bui e luminosi, la carriera di Massimo è proseguita con estrema consapevolezza e dignità, ma soprattutto con passione e verità, arrivando – dopo una serie di lavori come Veramente (2002), Macchisenefrega (2009) e Addendum (2015) – alla pubblicazione dell’album Dal profondo, composto da canzoni ispirate, soprattutto nei testi, avvolto da sonorità pop/rock mai invadenti, in cui splendono particolarmente Ci credi ancora all’amore, Ci penserò domani e Continuerà. Il mondo, la vita, la musica non si fermano, neanche in questo frangente storico così delicato. Parola di Massimo Di Cataldo.

Discografia

  • 1995. Siamo nati liberi (Epic/Sony Music)
  • 1996. Anima (Epic/Sony Music)
  • 1997. Crescendo (Epic/Sony Music)
  • 1999. Dieci (Epic/Sony Music)
  • 2001. Il mio tempo (Epic/Sony Music)
  • 2002. Veramente (BMG Ricordi)
  • 2005. Sulla mia strada (BMG Ricordi)
  • 2006. I consigli del cuore (RCA/BMG Sony)
  • 2009. Macchisenefrega (Dica Records/Edel)
  • 2015. Addendum (Dica Records)
  • 2019. Dal profondo (Dica Records)

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA ANDREA DIRENZO

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Cinema, PUNTI LUCE Di Chiara Sani. Meghan Markle: da principessa reale a principessa della Disney

Luca Bonaffini: cinque ballate dagli ‘arresti domiciliari’