Ispirato dai madrigali di Gesualdo da Venosa, il diciottesimo album di Pino Daniele racchiude l’amore per la musica sacra, per il jazz e per il blues, inserito in un contesto latino e più vicino alla world music.

A volte gli artisti in procinto di cambiare pelle o di dare una virata significativa alla propria carriera lasciano indizi più o meno velati. Tra i tanti ad aver fatto assaporare in anticipo qualcosa di nettamente diverso ai propri ascoltatori figura Pino Daniele, monumento della musica italiana scomparso improvvisamente nel 2015. Il musicista napoletano infatti, nell’ultima traccia di “Medina” (2001) – cult che conteneva hit come “Mareluna” e “Tempo di cambiare” – interpretava “Ahi, disperata via“, celeberrimo madrigale di Gesualdo Da Venosa. Da questa esecuzione nascerà il concept per il disco successivo, “Passi d’autore“, pubblicato nel 2004 sotto il nome di Pino Daniele Project per BMG.

Proprio dalle ispirazioni del compositore vissuto tra il 1556 e il 1513 nacquero due brani, “Ali di cera” e “Gli stessi sguardi“, due passaggi a cappella di straordinaria bellezza che vanno a incastonarsi con eleganza e coerenza con il resto della produzione del disco, incentrata sulla fusione tra le flessioni latine, jazz e blues questa volta inserite all’interno di un contesto più vicino alla world music rispetto al sound solito che aveva contraddistinto il cammino del partenopeo fino a quel momento.

Per riuscire nell’intento lo “Zio Pino” si avvalse della collaborazione del Peter Eskrine Trio, del pianista Alan Pasqua e del bassista Dave Carpenter. Un album certamente non immediato e complesso, con un mood più pacato che tende a scavare in profondità, per questo da ascoltare di seguito per poterne comprendere veramente il significato. Praticamente nulli infatti gli episodi da estrapolare singolarmente, fatta eccezione per il fortunatissimo “Pigro“, singolo apripista e gradevole biglietto da visita di un disco che segnerà la svolta sperimentale e ricercata di un musicista eccezionale, il quale una volta entrato nell’Olimpo, sceglierà di percorrere nuove strade sfornando capolavori come “Iguana cafè – Latin blues e melodie“, “Eletric Jam” e il conclusivo e “La grande madre“.

VOTO: 9/10

AGGETTIVO:  RICERCATO

TRACKLIST:

1. Arriverà l’aurora
2. Pigro
3. Bella da vivere
4. La mia casa sei tu
5. Gli stessi sguardi
6. Nuages sulle note
7. Dammi una seconda vita
8. Dejà-vu
9. Ali di cera
10. La nostra estate insieme
11. Isola grande
12. Tango della buena suerte
13. Concerto per noi due
14. Sofia sulle note

ARTISTA: PINO DANIELE

ALBUM: PASSI D’AUTORE

ANNO: 2004

ETICHETTA: BMG

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


YouTube Classifiche, settimana 19 del 2020: Ghali e Fred De Palma inarrestabili

Christina Aguilera e Miguel incantano per la Disney – VIDEO