La rivelazione del 2019 Lizzo ha dominato le classifiche di mezzo mondo con la sua terza fatica discografica, “Cuz i love u“, retta però solo da tre ottimi singoli. Supponenza ed eccessiva briosità non nascondono un disco scialbo.

Il troppo storpia, sempre. E non lascia scampo. Ci sarebbero parecchie cose da dire, e molto positive, su Melissa Viviane Jefferson, al secolo Lizzo, una delle rivelazioni del 2019 che ha letteralmente dominato le classifiche internazionali grazie a “Cuz i love you, terzo disco in studio pubblicato il 19 aprile 2019 per Nice Life/Atlantic. Ma, allo stesso tempo, la star statunitense che ha fatto del body positive (la copertina, onestamente iconica, del suo disco parla da sola) la sua bandiera, ha dimostrato nella fatica discografica della consacrazione di avere più di un difetto.

Da un punto di vista squisitamente musicale, il terzo capitolo di Lizzo risulta infatti non totalmente a fuoco e leggermente scialbo, esclusi i tre singoli ufficiali, tutti davvero di grande potenza e impatto. “Juicy“, il banger più famoso, arrivato come una bella boccata d’aria all’inizio dello scorso anno, è diventato il cavallo di battaglia dell’artista: un vero e proprio inno sull’amore verso se stessi e sull’autostima in salsa bouncy tra funk, rap e pop che schiaccia l’occhio agli anni ottanta. Lo stesso tema si ritrova nella più R&b “Tempo“, passaggio da clubbing twerkante che vanta la collaborazione di Missy Elliot. La title track è invece un episodio soul, dove la voce della nativa di Detroit si mette splendidamente in risalto, raccontando l’inizio di una storia d’amore scoppiettante, diversa dai precedenti rapporti sentimentali.

Il resto? Davvero poca roba. Fatta eccezione del blues di “Jerome” e dell’elegante “Lingerie” le restanti tracce fungono semplicemente da riempitivi, condite da frammenti rap francamente dimenticabili e da un approccio spumeggiante, strabordante che, alla lunga, stanca, sfociando nel macchiettistico.

Il problema di fondo poi è la conseguenza diretta di quando si pressa in maniera troppo accentuata su una determinata idea, anche se si tratta di aspetti positivi come il girl power e la libertà di mostrarsi come più ci si sente a proprio agio: cadere nel supponente, non accettando nessun tipo di critica (Lizzo è famosa per blastare in pubblica piazza ogni recensione negativa ai suoi lavori) e ancor peggio, utilizzando paragoni impropri come autoproclamarsi la nuova Aretha Franklin, non considerando epoche, situazioni e contesti diversi. Anche meno Miss Jefferson.

VOTO: 6/10

AGGETTIVO:  ESAGERATO

TRACKLIST:

1. Cuz I Love You
2. Like A Girl
3. Juice
4. Soulmate
5. Jerome
6. Crybaby
7. Tempo (feat Missy Elliot)
8. Exactly How I Feel (feat Gucci Mane)
9. Better In Color
10. Heaven Help Me
11. Lingerie

ARTISTA: LIZZO

ALBUM: CUZ I LOVE YOU

ANNO: 2019

ETICHETTA: NICE LIFE/ATLANTIC

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nosta PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Rubrica. FLASHLIGHT. Datura: la magia del sound anni ’90 non passa mai di moda

Classifica iTunes Italia: trionfo per Gaia Gozzi di Amici 19 con “Genesi”