Seguici su

Recensioni

Dolcenera con “Lo-Fi”: una riflessione sulla musica e sul suo percorso

Dolcenera, l’animale solitario della musica italiana, torna sulle scene con “Lo-Fi”, un pezzo sulla carta molto potente ma a tratti straniante

Pubblicato

il

Front cover del singolo "Lo-Fi"

LO-FI| LA RECENSIONE

Prendiamola larga. Dolcenera – che ha rilasciato lo scorso 2 dicembre per K6DN/Universal “Lo-Fi“, primo estratto dall’undicesimo album in studio “Anima Mundi” – rappresenta un vero e proprio unicum nella musica italiana recente. Già nella prima decade degli anni zero infatti la salentina ha sempre viaggiato in una corsia a parte, proponendo un pop apertissimo confezionato a modo suo, seguendo i suoi tempi e i suoi ritmi. Di fatto, parecchi anni prima l’artista ha anticipato quello che sarebbe successo poi con l’itpop, fenomeno in cui una miriade di personalità si sono messe in gioco suonando la propria visione di musica (adesso diventato omologato) beffando anche le personalità più di grido.

Davvero curioso però come – dovrebbe essere un elemento da approfondire – lo sviluppo di questa nuova “corrente” non abbia intaccato completamente la nostra, rimasta comunque ancorata alla sua corsia, trovandosi dunque di fianco oltre a quel contenitore tradizionale che ha sempre avuto a lato anche un altra macchina, velocissima e in forma, pronta ad andare in fuga. Dolce quella macchina l’ha lasciata andare, preferendo di proseguire il suo viaggio in solitaria. Era facilissimo mollare tutto e unirsi al carrozzone; lei non l’ha fatto, e le va dato atto.

Come tutti i viaggi però capita, talvolta, di incappare in una scaffa, in una ruota bucata, in un elemento che danneggia il motore costringendo la macchina a fermarsi, o quantomeno a rallentare; ed è un po’ il caso proprio di “Lo-Fi, un singolo apripista da una parte ambizioso (ed è un bene) ma che dall’altro lascia una sensazione leggermente straniante all’ascoltatore.

Il pezzo infatti, di stampo synth pop con innesti più funk, si basa tutto sul gioco di parole che c’è tra il “Lo-Fi” (la cosiddetta bassa fedeltà musicale) e le parole “Lo fai”, espediente questo un po’ telefonato (nonché forse unico trait-d’union tra Dolcenera e l’itpop, genere in cui sono frequenti esempi di questo tipo) che non riesce ad incidere più di tanto.

Di fatto, un tema davvero centrato come quello dello smarrimento culturale e della caduta del senso di rispetto e civiltà (con tanto di metafora coltissima dell’asino collodiano), viene espresso in musica in un modo non eccessivamente accattivante, probabilmente complice una linea melodica non immediata, frammentata e senza un tiro adeguato. Un peccato, sicuramente, ma per un’analisi più completa sarà necessario incastrare la traccia nell’album per coglierne al meglio le sfumature. Perché, con tutti i difetti del mondo, quando Dolcenera sforna un nuovo progetto non lo fa mai a caso; va ascoltata, analizzata e capita. Staremo a vedere.

VOTO: 5

AGGETTIVO:  STRANO

ARTISTA: DOLCENERA
SINGOLO: LO-FI
ANNO: 2022
ETICHETTA: K6DN
AUTORI: DOLCENERA, FRANCESCO SIGHIERI

LEGGI Santi Francesi, la certezza di “Non è così male”

Clicca qui per mettere “Mi piace” a HIT NON HIT – Blog & Press

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Pubblicità
Pubblicità

WEB TV

Pubblicità