Il 14 febbraio è uscito per CAROSELLO RECORDS “Che vita meravigliosa”, quarto lavoro in studio di Diodato, acclamatissimo vincitore del settantesimo Festival di Sanremo che rappresenterà l’Italia all’Eurovision Song Contest 2020. 

CHE VITA MERAVIGLIOSA | LA RECENSIONE

Aostano di nascita, pugliese di origine e romano d’adozione, Antonio Diodato, che in arte è semplicemente il suo cognome, è di sicuro il cantautore italiano del momento e, diranno i fan della prima ora, finalmente. Ne ha fatta di gavetta il quasi trentanovenne Diodato, a partire dalla direzione artistica dell’Odd Room, locale capitolino cuore pulsante della musica dal vivo, all’incisione del suo primo album “E forse sono pazzo” (“La Narcisse”, 2013), passando per una splendida reinterpretazione della celebre “Amore che vieni, amore che vai” di De André, colonna sonora del film “Anni felici” di Daniele Luchetti, fino alla partecipazione al Festival di Sanremo nel 2014 nella sezione Nuove Proposte col brano “Babilonia” (“uno dei migliori di tutto il festival”, dichiarò all’epoca Mina), per arrivare quindi agli ultimi lavori discografici “A ritrovar bellezza”, e “Cosa siamo diventati”.

È del febbraio 2020 la consacrazione al grande pubblico italiano: Diodato vince la settantesima edizione del Festival di Sanremo col brano “Fai rumore”, rappresentando di diritto l’Italia all’Eurovision Song Contest 2020. “Fai rumore” fa parte dell’ultimo lavoro di Diodato uscito per “Carosello Records” e prodotto da Tommaso Colliva, “Che vita meravigliosa”, che è anche il nome del brano che Ferzan Özpetek ha scelto come parte della colonna sonora del suo ultimo film “La dea fortuna”. A Sanremo, come nella vita in musica di questo artista raffinato e misurato ha vinto l’eleganza, il bel canto, la prosa ragionata, la voce, l’intonazione, la delicatezza e la ricercatezza: “Che vita meravigliosa” infatti, anticipato, oltre che dal brano sanremese e dalla title track, dai singoli “Non ti amo più” e “Il commerciante”, è un disco cantautorale nel senso più puro e genuino dell’accezione, che meravigliosamente non si cura delle tendenze modaiole indie e non del momento, per affrontare invece e narrare della sfera completa dei sentimenti raccontati nella quotidianità dell’ordinario, che Diodato canta con estrema semplicità in maniera diretta, scevra di fronzoli, poetica e fanciullesca.

“Che vita meravigliosa” è un disco di storie vissute, di racconti ordinari narrati in modo straordinario perché senza filtri, da un amore logorato dalla noia in “Non ti amo più” all’urgenza di riacquistare l’autenticità dei rapporti umani ne “Il commerciante”, passando per “la fame di vita”, per dirla come l’ha detta lui, che attraversa la title track, in cui Diodato definisce l’esistenza come seducente, miracolosa, ma anche dolorosa. Questo album insomma, come Diodato grida in “Fai rumore”, è un inno alla vita e all’umanità, un invito disperatamente necessario alla riappropriazione di una coscienza viva dei sentimenti, un richiamo all’abbandono di ogni ipocrisia, un’esortazione a spogliarsi di ogni orpello per poter afferrare le redini del coraggio, necessarie per buttarsi a capofitto nell’affascinante imprevedibilità dell’esistenza umana, che fa paura e gola al tempo stesso. Buona anche la quarta quindi per Diodato, che ha sapientemente messo in musica tutto ciò, nel risultato di un lavoro ammaliante e coinvolgente, da ascoltare con cura ed attenzione ai dettagli.

VOTO: 8/10

AGGETTIVO: AFFASCINANTE

TRACKLIST 

  1. Che vita meravigliosa
  2. Fino a farci scomparire
  3. Lascio a voi questa domenica
  4. Fai rumore
  5. Alveari
  6. Ciao, ci vediamo
  7. Non ti amo più
  8. Solo
  9. Il commerciante
  10. E allora faccio così
  11. Quello che mi manca di te

ALBUM: CHE VITA MERAVIGLIOSA

ARTISTA: DIODATO

ANNO: 2020

ETICHETTA: CAROSELLO RECORDS

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Musica Italiana. Benji & Fede si dicono addio, il 3 maggio per l’ultima volta insieme sul palco

Musica, Gossip. Elodie infuriata con Marco Masini: la lite inedita a Sanremo 2020