Dopo la collaborazione con Achille Lauro, la Tatangelo torna nei pressi della Trap

Che la Trap sia diventata il nuovo pop è cosa nota. Meno ovvio è che le vecchie glorie pop ormai siano obbligate a pagare dazio al genere, per poter continuare a sopravvivere. Questa volta è il turno di Anna Tatangelo, che per farsi conoscere e ascoltare dal pubblico under 25 ha scelto di fare un feat con Geolier, il trapper campano che qualunque cosa tocchi trasforma in visualizzazioni e streaming.

TESTO

“Guapo, scusami se non ti richiamo
Mi dici “ti amo” e non è il caso
Non sei a livello, baby, è claro
(Yeh, yeh, yeh, yeh, yeh)
Faccio sulo quatto passe
Cu ‘na tipa china ‘e strass
Traso pure senza pass, yeh
Dint”a capa che te passa?
Allora overo sî pazza, yeh
Mami sî bella ma ‘e vote ‘o ssaje buono c”a capa te schifo
(Brr, brr)
‘O ssaje so’ nato c”a tuta, nun m’aggio maje miso ‘a cammisa
(Brrah)
Pensa a te
Che a me non manca niente di quello che hai
Mi basto da sola e no, non è un cliché
Una come me tu non l’hai vista mai, vista mai

M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Dincelle a casa ca nun tuorne
Dincelle a casa ca nun tuorne
‘O ssaje che a casa mia nun se dorme
‘O ssaje che a casa mia nun se dorme

Yeh, yeh, ehi
A casa tengo tutt”e cose, ma l’unica cosa ca nun tengo è ‘o Wi-Fi
Pecché se sape ca ‘e cose cchiù belle ca putimmo fa’ se fanno offline
Je sto vulanno ncopp”a ‘na Yamaha
Tu staje luanno ‘n atu Yamamay
Scusa si dico: “Metto ‘a capa apposto”
Ma in fondo ‘o sapimmo nun succede maje, yeh
Se pensi di conoscermi, baby, sei fuori strada
Non voglio diamanti, viaggi, né borse di Prada
Se mi incontri in giro e sono sul mio fuoristrada
Tu non mi guardare in faccia figlio di
Yeh, nun me dicere: “Pecché?”, viene cu mme
Te ne fuje da me oppure cu mme
Lievate ‘e tacche ca nun so pe’ te
Vattenne ‘a casa ca nun simmo pe’ te
Sî capitato c”o hijo de puta
Aggiro ‘e penziere c”o ghiaccio e sambuca
Fumma ‘n appoco ca adoppo se vede
Si songo ‘nu scemo oppure ‘nu hijo de puta

M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto, (Brraah)
M’hanno ditto nun tiene ‘a capa apposto
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Pecciò me chiamma sulo ‘e notte
Rincell a casa ca nun tuorn
Rincell a casa ca nun tuorn
Ossaj che a casa mj nun s’ròrme
Ossaj che a casa mj nun s’ròrme”

https://www.instagram.com/p/CCI850OHNBF/?utm_source=ig_web_copy_link

Partiamo dalla base: Latin Trap napoletana di ottima fattura senza cedimenti al raggaetton (grazie a Dio), la produzione di Dat Boi Dee è una boccata d’aria fresca in un sottogenere fin troppo inflazionato. Tutt’altra storia è il testo: partorito dalla penna di Geolier e Martina May, mischia italiano e napoletano per essere potabile a tutti. Lo sfruttamento dello stereotipo della mala chica (che dato il contesto, potremmo provincializzare nella mala femmina) è portato avanti alla meno peggio, mischiando il cliché della donna indipendente-pazza e quella della femmina che finisce nei guai perché passionale. Geolier limita al minimo gli stereotipi Trap su cui ha costruito la sua carriera, e si vede che non è abituato a muoversi in altri territori tematici. Dal punto di vista vocale invece il piacere è assicurato: la bella voce della Tatangelo si fonde perfettamente con il flow di Geolier. Il risultato è un singolo discreto, che si dimentica non appena finito d’ascoltare e che non invoglia a premere nuovamente “play”.

VOTO: 6/10

AGGETTIVO: campano

SINGOLO: GUAPO

ARTISTA: ANNA TATANGELO & GEOLIER

ANNO: 2020

ETICHETTA: ARGENTAVISION

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Dodi Battaglia e Perle2, un disco live raccontato ai tempi del Coronavirus – INTERVISTA

SUPER TORMENTONE: “Tre parole” di Valeria Rossi VS “Mare mare” di Luca Carboni – Vota il tuo preferito