Nato a Roma il 13 giugno 1957, Michele Zarrillo ha esordito, dopo vari tentativi in band prog, vincendo il Festival di Castrocaro nel 1979. Da allora ha partecipato a ben 13 edizioni del Festival di Sanremo, vincendo la categoria Nuove Proposte nel 1987 con “La notte dei pensieri”. Nel 1995 è stato protagonista di momento memorabile nel programma tv “Papaveri e papere” cantando varie cover e un medley di sue canzoni insieme a Giorgia e a Mia Martini, nell’ultima apparizione televisiva della cantante calabrese prima della scomparsa.

Ha scritto grandi classici della musica leggera italiana, da “Una rosa blu”, che clamorosamente non arrivò in finale al Festival di Sanremo del 1982, a “L’acrobata”, da “Cinque giorni” a “L’elefante e la farfalla”. Ha collaborato con colleghi come Renato Zero, per cui ha scritto la musica di “Sesso o esse”, Ornella Vanoni (sua la musica di “Ricetta di donna” della cantante milanese), Tiziano Ferro (nell’album “Liberosentire” del 2003) e Claudio Baglioni e con i jazzisti Danilo Rea e Stefano Di Battista.

PLAYLIST | ZARRILLO 63

Ecco nella playlist ZARRILLO 63 i suoi classici, alcuni brani più recenti, molto interessanti e inaspettati che non hanno ricevuto il giusto riconoscimento e diverse cover, tra cui un omaggio appassionato ad Alex Baroni. Buon ascolto!

https://www.instagram.com/tv/CBW3eGlqpTU/?utm_source=ig_web_copy_link

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Quanto servono le mascherine? Evitati 78mila contagi in Italia

Barba in tempi di COVID. Il virologo Pregliasco ci illustra come portarla in sicurezza