Oggi, 12 novembre, festeggiamo due regine “pop”: l’incantevole principessa e attrice Grace Kelly e la seducente ed ammaliante cantante Mietta, due donne dalla forte personalità, dallo sguardo intenso e dall’innegabile bellezza che hanno affascinato il pubblico di ogni età.

Grace Kelly

Celeberrima star hollywoodiana, nata a Filadelfia nel 1929, Grace Kelly (nome completo Grace Patricia Kelly) ha vinto l’Oscar come miglior attrice per “La ragazza di campagna” nel 1955 ma l’anno seguente, all’apice del successo, abbandona la carriera cinematografica per seguire il suo amore regale e sposare quindi il principe Ranieri III di Monaco, diventando così principessa consorte di Monaco. Nonostante la breve carriera, è riconosciuta tra le più grandi star della storia del cinema: con il suo charme e la sua eleganza è diventata un simbolo universale di bellezza. A lei tanti artisti hanno dedicato opere e creazioni, dal ritratto di Andy Warhol, al rap di Madonna in “Vogue“, dalla hit mondiale di Mika al “Grace Kelly Blues” degli Eels.

Mietta

Nata a Taranto nel 1969, Mietta (vero nome Daniela Miglietta), esordisce come “Nuova Proposta” al Festival di Sanremo 1988 con “Sogno” scritta da Claudio Mattone, la canzone non arriva in finale ma l’anno successivo si ripresenta al Festival di Sanremo nella categoria “Nuovi” con il brano “Canzoni”, scritto da Amedeo Minghi e Pasquale Panella, vincendo la categoria, il Premio della Critica e il Telegatto come miglior rivelazione dell’anno. Nel 1990,  proprio con Amedeo Minghi, canta il brano “Vattene amore”, che si classifica al terzo posto tra i Big e diventa uno dei duetti più celebri della storia della musica italiana.

Arrivano altri Festival ed altri eventi musicali, in cui Mietta mostra lati sempre nuovi e diversi: dalla musica d’autore al funky, dal hip-hop al blues e l’r’n’b fino al jazz. Ma nella sua carriera non c’è solo la musica, ci sono anche i ruoli da attrice in film noti (indimenticabile ne “La Piovra 8“) e i romanzi (“L’albero delle giuggiole” del 2011 eTra l’acqua e l’olio” del 2017).

Per la sua voce magnetica e per la sua suadente bravura hanno scritto oltre a Minghi e Panella, anche altri famosi artisti, come i fratelli Mango (Armando e il cantautore Pino), che le hanno dedicato “Fare l’amore” per Sanremo 2000 e l’intero album “Per esempio… per amore” del 2003, un progetto elettro-etnico dal potenziale enorme, che come tanti altri capolavori di Mietta (e di Mango!!) non ha avuto il giusto riconoscimento, ma anche Mariella Nava (“Il gioco delle parti” e “Così distanti“), Biagio Antonacci (“Brivido di vita“), Maurizio Fabrizio e Guido Morra (“Niente“), Gatto Panceri (“E’ di nuovo gennaio“), Michele Centonze, Giuseppe Anastasi (“Io ti ho perso“), Simone Cristicchi (“Senza di te“), Neffa (“Resta qui“), Mario Venuti e Kaballà (“Dare e avere“), Daniele Ronda, Ana Cecilia (“Fotografie“), Niccolò Agliardi (“Le parole che non esistono” e “Sono come me/La prova reale” ) e tanti altri.

Nell’ultimo periodo, aldilà di alcuni singoli dal forte appeal radiofonico (“Milano è dove mi sono persa”, “Cloro”, “Spritz Campari”), Mietta ci sta regalando delle preziose perle latin-jazz, in compagnia di Andrea Dessì e Massimo Tagliata (e con il progetto Marea), testimonianze di come il fascino e la raffinatezza esaltano al meglio il suo grande talento di interprete.

PLAYLIST | MIETTA/GRACE KELLY 12 novembre

Nella playlist MIETTA/GRACE KELLY 12 novembre oltre alle canzoni citate anche i tributi alla principessa Grace e qualche cover a sorpresa (di Battisti, Gaber, Mango,…). Buon ascolto!

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Classifiche SPOTIFY, week 45. Blind è la bomba di X Factor, ma è successo virale per Roccuzzo, Mar e Ale

Britney Spears, il suo quarto album “In The Zone” spegne 17 candeline