Oggi, 25 dicembre, è il compleanno di due artiste del Regno Unito, che con la loro voce e la loro eleganza hanno segnato la storia della musica mondiale, seppur in decenni differenti: Annie Lennox e Dido, la prima protagonista in duo con gli Eurythmics negli anni ’80 e da solista negli anni ’90, mentre la seconda come esponente della modernità del duemila.

ANNIE LENNOX

Annie Lennox (vero nome Anne) nata in Scozia nel 1954, dopo gli studi in flauto traverso inizia la sua carriera nella band The Tourists, dove conosce il chitarrista David A. Stewart con cui nel 1980 forma il duo Eurythmics. I due scalano le classifiche mondiali con hit come “Sweet Dreams (Are Made of This)” e “There Must Be an Angel (Playing with My Heart)”, fino al 1991, quando terminano la loro collaborazione. Arrivano gli album “Diva” e “Medusa” e la storia è presto fatta: esibizioni sempre originali e creative, vocalità stratosferica e personalità magnetica.

DIDO

Dido (nome completo Dido Florian Cloud de Bounevialle O’Malley Armstrong) nasce a Londra nel 1971. Sorella minore del noto “Rollo” Armstrong, fondatore della band Faithless, ed è proprio con i Faithless che inizia la sua gavetta. Nel 1999 pubblica il suo primo album “No Angel”, ma è solo nel 2001, dopo la collaborazione con Eminem (per il brano Stan”) che l’album riceve un successo pazzesco. Arrivano premi importanti: agli MTV Europe Music Awards vince come miglior artista emergente del 2001 e nel 2002 conquista due Brit Awards. Dopo una pausa durata 15 anni, nel marzo del 2019 pubblica “Still on My Mind”, il suo quinto album.

PLAYLIST | LENNOX/DIDO 25 DICEMBRE

La playlist LENNOX/DIDO 25 DICEMBRE contiene i brani più popolari e canzoni minori ma suggestive ed intense da riscoprire. Buon ascolto!

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Viaggi, si a rimborsi e voucher per i voli dal Regno Unito

RUBRICA. Consigli contro il Covid. Episodio 6. Sereno Natale (e basta terrorismo)