Toni maiello nuovo nome d'arte e nuovo singolo

Tony Majello fa il suo esordio con Majello: il nuovo progetto musicale

Nel 2008 è stato tra i concorrenti della primissima edizione di X Factor Italia, nel 2010 vince nella categoria “Nuove proposte” al Festival di Sanremo per poi continuare la sua carriera di cantautore e autore, firmando brani per altri artisti italiani come Laura Pausini, Francesco Renga, Annalisa, Paolo Meneguzzi e Marco Carta.

Adesso Tony Maiello si presenta al pubblico con un nuovo pseudonimo, Majello, per ripartire da sé stesso, ma in modo differente. Infatti il cantante campano ha deciso di dare spazio all’altra faccia del suo mondo interiore e della sua scrittura musicale, come ha spiegato: “Ho scelto il nome ‘Majello’ per dividere i miei lavori. In cuor mio mi è sempre piaciuto sperimentare, ma con il percorso che ho creato con ‘Tony Maiello’ è stato sempre abbastanza difficile proporre sound diversi da quelli con cui ho abituato le persone che mi seguono. Da qui nasce l’esigenza di creare un percorso alternativo, una sorta di doppia personalità”.

“Non fa mai male”: il singolo d’esordio di Majello

E questa nuova strada, il “percorso alternativo”, intrapresa dall’interprete de Il linguaggio della resa parte dal nuovo singolo intitolato “Non fa mai male” (etichetta Supernova), già disponibile in digitale dal 29 maggio 2020 e in radio dal 4 giugno. Il brano è stato scritto da Majello con Marco Rettani ed Enrico Kikkoz Palmosi, mixato da Sabatino Salvati presso Up Studio e masterizzato da Marco D’Agostino presso 96Khz Mastering Studio.

Così, viene raccontato più approfonditamente dal cantante il nuovo progetto discografico: “Majello è tutto il contrario di Tony Maiello. Con questo nuovo progetto darò totalmente libertà di espressione all’altra parte di me, quella rimasta sempre un po’ soffocata dalla scrittura tradizionale. Voglio divertirmi e questo mi sembra il modo giusto per farlo, senza cancellare o rinnegare tutto quello che c’è stato prima e che comunque ci sarà ancora in futuro”.


Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteEURO 2020, stasera Italia-Turchia sarebbero scese in campo per la prima partita. Tutto rinviato al prossimo anno
Articolo successivoInchiesta zone rosse, ascoltato il premier Conte, ecco la sua versione
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui