Ecco JazZONE week parade con 5 proposte tratte da 5 album jazz usciti negli ultimi mesi che meritano attenzione. Un’occasione imperdibile per scoprire nuovi artisti e nuove produzioni dal tocco raffinato.

Questa settimana la band francese Feu! Chatterton, la classe di Noa, una nuova pubblicazione inedita di Lucio Dalla, la contaminazione dei Nubiyan Twist e l’eleganza di David Gray.

Feu! Chatterton – La mer (Palais d’argile)

La rock band francese Feu! Chatterton formata da da Arthur Teboul (voce), Clément Doumic (chitarra), Sébastien Wolf (tastiere), Antoine Wilson (basso) e Raphaël de Pressigny (batteria), nel nuovo album “Palais d’argine“, si concede al fascino della raffinatezza e della rarefazione con il brano, vibrante e malinconico, “La mer“.

Noa – My funny Valentine (Afterallogy)

Interprete di immensa fama mondiale, l’italo-israeliana Noa sta per pubblicare l’album “Afterallogy” con la complicità del fidato chitarrista Gil Dor, con lei sin dagli esordi. Ad anticipare l’album l’eterno standardMy funny Valentine” (datato 1937) che Richard Rodgers e Lorenz Hart composero per il musical “Babes in Arms” e che è divenuto uno dei brani più celebrati del jazz.

Lucio Dalla – Etto (Geniale?)

Geniale?” è un album di inediti registrati dal vivo dal mitico Lucio Dalla tra il 1969 e il 1970, con Gli Idoli, pubblicato nel 1991, che ora esce in versione rimasterizzata. Tra i vari brani (e improvvisazioni) tratti dal periodo d’esordio del cantautore bolognese anche questo “Etto” composto da Dalla con la tecnica vocale dello scat, ed eseguito insieme alla band formata da Giorgio Lecardi (batteria e chitarra), Bruno Cabassi (organo), Emanuele Ardemagni (basso) e Renzo Fontanella (basso e violino).

Nubiyan Twist, Cherise – Flow (Freedom Fables)

Flow” è una gemma neo-soul riflessiva ed intensa che ospita la voce della brillante Cherise (voce dell’anno per Jazz FM nel 2019). La traccia inaugura il nuovo album del collettivo inglese Nubiyan Twist “Freedom Fables“, uscito per Strut Records il 12 marzo scorso.

David Gray – All that we asked for (Skellig)

David Gray è tornato con il suo dodicesimo album in studio “Skellig“: un’opera musicale ispirata ad uno sperone roccioso che si trova a meno di dieci miglia dalla costa sud-occidentale dell’Irlanda. Con la consueta introspezione e delicatezza canzoni come “All that we asked for” si trasformano in autentiche emozioni che difficilmente si riescono a controllare.

Tra nomi che sono manifesti di artisticità, ormai eterni, e realtà contemporanee continua il nostro viaggio nella qualità e nella sostanza. Buon ascolto!

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Tutti i Sanremo di Iva Zanicchi, nuova opinionista de L’Isola dei Famosi

Taranto, 61 enne ricercato: ha ucciso moglie e suocera