a piedi scalzi sulla neve: il singolo di Renza Castelli con l'orchestra dinfonica nazionale della Repubblica Ceca
Crediti Foto: Instagram / renzacastellimusic

Renza Castelli, cantautrice toscana che si è fatta conoscere ad X Factor nel 2018, è tornata con il singolo dal titolo “A Piedi Scaldi Sulla Neve”. Il brano vede la partecipazione “straordinaria” dell’Orchestra Sinfonica Nazionale Ceca.

“A Piedi Scalzi Sulla Neve”: il nuovo singolo di Renza Castelli

Il brano, pubblicato il 20 novembre e disponibile sulle piattaforme digitali di musica, è stato scritto dalla stessa Renza Castelli con Fabrizio Campanelli; compositore e suo attuale produttore artistico.

“A Piedi Scalzi Sulla Neve” giunge dopo i precedenti “La libertà” e “Sai che c’è” e sarà accompagnato da un videoclip ufficiale, la cui pubblicazione è prevista per il prossimo 27 novembre.

Renza Castelli: dopo l’esperienza ad X Factor 12, nuovi singoli e l’album di debutto in arrivo

I tre singoli presentati in questo 2020 anticipano l’uscita del primo album della Castelli, che ha debuttato discograficamente nel 2018 con la canzone “Cielo Inglese” durante la partecipazione alla dodicesima edizione del talent show X Factor. La cantautrice di Pietrasanta ha fatto parte del gruppo capitanato da Fedez ed è stata eliminata alla quinta puntata, a pochi passi dalla semifinale.

“A Piedi Scalzi Sulla Neve” vede la partecipazione “straordinaria” della Czech National Symphony Orchestra (con cui Ennio Morricone ha vinto l’Oscar nel 2016 per la colonna sonora del film di Tarantino “The Hateful Eight”) diretta da Fabrizio Campanelli, e così ne parla l’autrice e interprete:

“Gli imprevisti a volte ti portano a percepire il tempo e le cose della vita, anche quelle più piccole, in modo diverso, assoluto, e ti spingono a non dare niente per scontato e a pensare di chiedere al tempo ancora un momento, quell’istante in più che fa la differenza per reagire, per continuare, per godere del sapore delle piccole cose che alla fine sono le più grandi anche se ce ne rendiamo conto proprio quando rischiamo di non averle più. Ciò che non ti aspetti ti porta a volte ad attraversare mille avversità e a renderti conto che saremmo disposti a sopportare qualsiasi cosa pur di tenerci stretto quello che temiamo di perdere. Anche a camminare a piedi scalzi, sulla neve”.

LEGGI ANCHE: RADIO DATE, da venerdì 20 Novembre. Il ritorno delle dive: Mina contro Mina, Loredana Bertè contro Asha Puthli

Renza Castelli – Biografia

Renza Castelli nasce a Pietrasanta (Lucca) il 14 agosto 1989. Si avvicina alla musica intraprendendo lo studio della chitarra classica e successivamente lo studio del canto con un approccio principalmente incentrato sul jazz. Parallelamente si dedica al canto moderno presso l’accademia “La Voce” partecipando anche a numerosi seminari di formazione. L’attività concertistica inizia in giovane età, in veste di chitarrista e cantante, evolvendosi nel tempo con la partecipazione a diversi progetti e formazioni fra cui spicca la partecipazione all’Acoustic Guitar meeting di Sarzana, con la presentazione di un brano inedito eseguito chitarra e voce con arrangiamento per gruppo vocale.

Nel 2016 partecipa in qualità di cantautrice alla selezione per il concorso “New sound of acoustic music” che la porta alla finale a Cremona Mondo Musica e all’esibizione sul main stage dell’Acoustic Guitar meeting per “Eastman Guitars”.

Nel 2017 è finalista al Tour Music Fest e vincitrice del Premio Mogol, direttamente consegnato dal Maestro, che include anche la borsa di studio per frequentare i corsi della sua Accademia CET.

Nel 2018 partecipa alle selezioni e diventa uno dei concorrenti della dodicesima edizione di X-Factor Italia, arrivando fino alla puntata dell’inedito con il brano “Cielo inglese” firmato da Bungaro, Cesare Chiodo e Rachele. Attualmente, oltre all’attività concertistica in tutta Italia, è al lavoro in studio per la realizzazione del suo primo album in studio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Renza Castelli (@renzacastellimusic)


Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteOrnella Vanoni. Sarà “Unica” il nuovo album di inediti
Articolo successivoDiego Rivera, Nulla è nero! Un nuovo libro a 63 anni dalla morte
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".