La cantautrice nata a Palermo ma bolognese d’adozione pubblica “Mamma”, nuovo singolo che racconta il momento storico che stiamo attraversando, toccando con un sound brioso e ballabile temi delicati e d’attualità come la violenza contro il personale sanitario, il ponte di Genova o l’ambiguo mondo di Tik Tok.

Giulia Mei firma con la Universal Music come autrice e lancia il singolo “Mamma”

Dopo aver firmato un contratto editoriale con la Universal Music, grazie alla vittoria nell’ultima edizione del concorso musicale “Genova Per Voi” (che ha consacrato autori di successo come Willie Peyote e Federica Abbate) e dopo i numerosi riconoscimenti conquistati con il suo album (finalista Targhe Tenco, Premio Speciale M.E.I. e tra le migliori opere del 2019 per il Forum del Giornalismo Musicale), Giulia Mei è tornata con il nuovo singolo dal titolo, emblematico, “Mamma”.

Il brano, disponibile per la radio e in digitale dal 07 aprile, al contrario di quello che istintivamente si è portati a pensare, non è dedicato a sua madre. La figura della madre rappresenta un po’ tutte le madri; ovvero la società attuale caratterizzata da contraddizioni ed etichette che ci vengono affibbiate in continuazione.

Attraverso un sound elettronico, dal piglio un po’ retrò, Mamma si presenta come un brano ballabile e, musicalmente parlando,  “spensierato”. Con una melodia ariosa, cantabile e radiofonica, marchio di fabbrica della giovane Mei, racconta il particolarissimo momento storico che tutti stiamo vivendo, toccando temi seri come la violenza contro il personale sanitario, il ponte di Genova o l’ambiguo mondo di Tik Tok.

La cantante di “Tutta colpa di Vecchioni”, del nuovo singolo, di cui è interamente autrice sia del testo che della musica, parla: “Una canzone dal gusto dance, tra arpeggiator e synth per parlare di questi tempi duri pieni di ipocrisie e contraddizioni. ‘Mamma, ti prometto che mi laureo, e mi trovo un posto fisso, proprio accanto al crocifisso’ recita il ritornello della canzone, volendo sarcasticamente alludere a quanto nonostante le problematiche della vita e del mondo siano ben più serie (specialmente in questo momento storico), nella nostra società sembri più importante garantire delle futili etichette, voltando la testa dall’altra parte”.

Al lancio di Mamma di Giulia Mei sarà seguirà la pubblicazione della clip ufficiale, prevista per il 21 aprile 2021

Giulia Mei – Biografia

Giulia Mei (classe 1993) inizia a studiare canto e pianoforte all’età di nove anni, laureandosi in strumento al Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo, ora A. Scarlatti e iniziando la propria attività di insegnante a partire dal 2012. Nel frattempo, comincia a scrivere le prime canzoni, ad esibirsi in diverse occasioni e a ottenere riconoscimenti, come il Premio Alberto Cesa, il Premio Bigazzi in qualità di autrice, diversi riconoscimenti durante il Premio Lauzi e altro ancora.

Nel 2016 Giulia pubblica un EP dal titolo “Pianopiano” e nel marzo dello stesso anno viene selezionata tra i 16 finalisti di Musicultura, dopo essersi aggiudicata il Premio del pubblico; Giulia sarà finalista del premio anche nei due anni successivi; in agosto, apre un concerto di Roberto Vecchioni in Sicilia.

Il 28 marzo 2019 esce “Diventeremo adulti”, il suo primo album, finalista alle Targhe Tenco 2019 nella categoria “Miglior album di esordiente”. Il lavoro è stato proclamato dal Forum del Giornalismo Musicale, una tra le migliori opere prime uscite nel 2019 e Giulia ha vinto il Premio speciale MEI come migliore artista esordiente femminile. Recentemente ha conquistato la vittoria nell’ottava edizione del concorso “Genova Per Voi”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GIULIA MEI (@giuliameiofficial)

Crediti Foto: Rori Palazzo/Instagram


CLICCA QUI per seguire Juary Santini su Twitter

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Rubrica, PALINSESTO MUSICALE: Dori Ghezzi, Rettore, La Rappresentante di Lista

Ddl Zan. Ecco i primi cantanti (e non solo) schierati a favore della legge contro l’omotransfobia – IN AGGIORNAMENTO