Si sono fatti attendere per oltre un quinquennio i capitolini Fabio Grande, Marco Santoro e Paolo Testa, in arte e in musica “I Quartieri”, ma senz’ombra di dubbio ne è decisamente valsa la pena.

Dopo l’eccelso “Zeno” (42 Records, 2013) arriva “ASAP”, la cui ironia del titolo racchiude otto splendide tracce che meravigliosamente ridanno dignità ai bei fasti della lingua nostrana ed altrettanta grandezza ad un sound in continuo divenire, fatto di ricerca costante ed attenzione al più millimetrico dettaglio.

“ASAP” è un disco che si lascia ascoltare con trasporto e sentimento, di cui si apprezzano particolarmente la cura dei particolari e l’attenzione testuale: se l’album in questione dovesse essere descritto con un’immagine, questa risponderebbe ad una di quelle tele impressioniste dai colori pastello, tenui, con al centro una piccola barca adagiata su onde calme, nell’immensità del blu cobalto insanguinato dai raggi di un sole color rubino che, adagio, scompare.

Il linguaggio dei testi, ricercati e diretti allo stesso tempo, che con naturalezza si muovono sinuosi tra le narrazioni del quotidiano e la monumentalità del globale, amabilmente si sposa con un sound che rifugge puntuali catalogazioni, a cavallo fra la psichedelia e la sperimentazione di una certa scuola inglese che, fra tutti, rimanda di sicuro ai Radiohead (“Vacanze su Marte”, “Balla balla damerino”), ma anche ad un certo tipo di cantautorato pop alternativo italiano dei primi anni duemila, alle prime prove di Marco Parente (“Raggio X raggio”, “6.45”) o dei Perturbazione, per esempio.

“ASAP” è un disco tanto onirico quanto verosimilmente contingente, una prova di encomiabile maturazione identitaria che fa entrare I Quartieri, di sacrosanto diritto, nel panorama musicale giovanile tricolore più credibile ed interessante della contemporaneità, avendo nobilitato con ingegno e maestria la crasi fra una comunicazione testuale accorta, ragionata, elegantemente raffinata, e melodie pop cangianti, intriganti e persuasive, nel risultato di un lavoro di livello, dallo stile peculiare ed oramai inconfondibile.

VOTO: 8/10

AGGETTIVO: AMMALIANTE

TRACKLIST

1 – ASAP

2 – Siri

3 – Vacanze su Marte

4 – Balla balla damerino

5 – Vivo di notte

6 – Raggio x raggio

7 – Spiaggia Bianca

8- 6.45

ALBUM: ASAP

ARTISTA: I QUARTIERI

ANNO: 2019

ETICHETTA: 42 RECORDS

https://www.instagram.com/p/BvHfmdEFbCV/?utm_source=ig_embed

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS


Musica Italiana, Nuove Uscite. Young Signorino: dopo il singolo “Burrocacao Rosa” in arrivo l’atteso album

Musica Italiana, Concerti. Daniele Silvestri: in partenza il tour nei palazzetti