Intervistato dal sito messicano Zocalo, nei giorni scorsi il leader dei Cure Robert Smith ha rivelato che la band è al lavoro su tre nuovi album a distanza di oltre 10 anni da “4:13 Dream”, l’ultimo lavoro in studio della band pubblicato nel 2008. Il primo nuovo disco potrebbe arrivare già prima della fine del 2019.

Robert Smith of The Cure performing at the British Summer Time festival at Hyde Park in London. PRESS ASSOCIATION Photo. Picture date: Saturday July 7, 2018. Photo credit should read: Matt Crossick/PA Wire

“Penso che il primo singolo, o l’intero album, uscirà questo Natale, o poco prima – ha dichiarato Smith -. Si intitola “Live From the Moon” ma cambierà sicuramente il suo nome”. Smith ha rivelato il motivo della scelta di questo titolo in una intervista al Los Angeles Times: “Ero stuzzicato dal cinquantesimo anniversario dell’atterraggio dell’Apollo, avevamo una grande luna appesa nello studio e materiale legato alla luna sparso in giro. Sono sempre stato uno che osservava le stelle“.

Foto da Facebook

Questo nuovo disco di inediti sarebbe il quattordicesimo della lunga carriera dei Cure iniziata nel 1976. L’ultima session in studio è fissata per agosto a Glasgow, nella pausa di sette giorni che la band si prenderà dal tour subito dopo il live al Bellahouston Park, dopodiché il gruppo chiuderà definitivamente il progetto per mandarlo alla casa discografica. Sul secondo album in arrivo il frontman dei Cure ha dichiarato: “Il secondo disco, che è quello già più avanzato, si riferisce a brani molto più liberi e con un suono più pronunciato e più forte; per registrarlo deve essere live, con quell’esperienza di mettere insieme un concetto basato sull’interpretazione del momento”. Infine, sul terzo in programma: “Il terzo, che è folle, è un disco di rumore, con diversi aspetti e ambienti – ha proseguito Smith -, il tutto basato su esperienze vissute sul palcoscenico o sui miei percorsi personali, in situazioni in cui il rumore è presente, rumore al quale siamo così abituati da non farci più caso”. Di recente il cantante britannico aveva spiegato che il prossimo lavoro dei Cure sarà plasmato dall’oscurità e legato alle perdite di sua madre, suo padre e suo fratello.

In attesa di questi tre nuovi album, dopo 40 anni di carriera, tra pochi giorni, il 18 ottobre, uscirà “40 Live – CURÆTION-25 + Anniversary”, raccolta nella quale troviamo, tra le altre cose, l’esibizione della band alla Royal Albert Hall di Londra durante il Meltdown Festival curato proprio dal frontman della band Robert Smith.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

TAG:
Band Robert Smith Rock The Cure

ultimo aggiornamento: 16-10-2019


“Abbey Road”, 5 motivi per cui il capolavoro dei Beatles è primo in classifica dopo 50 anni

Musica, Nuove Uscite. The Niro: l’italiano che fa rivivere il mito di Jeff Buckley con un songbook-omaggio in collaborazione con Gary Lucas