Di Marta Scaccabarozzi

La Mamo’s Band è un progetto che, sotto la direzione artistica di Gigi Marrese, coinvolge più di dieci talentuosi musicisti. Domani esce per Abeat Records il disco di debutto “Mamo o non M’amo”. Ne abbiamo parlato con Mamo Pedrani, che rappresenta il cuore della formazione lombarda.

Mamo’s Band, un caloroso benvenuto sul sito del MEI!  Il vostro è un progetto molto particolare. Definirvi “formazione” o “gruppo” è riduttivo. Raccontateci nel dettaglio cosa rappresenta la Mamo’s Band.

La Mamo’s band nasce dal desiderio di alcune persone di aprire la porta a tutti coloro che avessero voluto contribuire alla nascita e costruzione di brani originali per soggetti, parole e musiche. Non c’è un leader ma tanti solisti e coristi magistralmente diretti da un direttore artistico eclettico e professionale: Gigi Marrese che è anche il produttore del CD. Mamo (Massimo Pedrani), l’autore dei testi, ha voluto mettersi in gioco e a disposizione di un gruppo di artisti e arrangiatori per raccontare semplicemente il suo sentiment ed emozionarsi nel trasformare dei racconti di vita vissuta in brani musicali.

Non siete musicisti alle prime armi ma domani vedrà la luce il vostro disco di debutto, “Mamo o non M’amo”, fuori per Abeat Records e prodotto da Gigi Marrese. Parlateci di questo lavoro.

I testi e le musiche dipingono quadri di vita; trattano di amore , di spiritualità, del rapporto ancestrale tra uomo e natura, dei rapporti tra gli amici e le persone. Fin dall’inizio non abbiamo mai pensato ad un prodotto commerciale ma semplicemente a una cosa che ci piacesse, ci emozionasse e ci desse la possibilità di viverla insieme a un gruppo di musicisti che partecipasse alle emozioni.

“Mamo o non M’amo” è un riuscitissimo mix di generi. Sicuramente un disco pop /cantautorale dove però sono forti le influenze jazz e di rock progressivo. Come nasce questo meltin pot sonoro?

I testi nascono da cose improvvise, dall’accadimento in una giornata, da un pensiero per un amico, dalla nascita di un bimbo, dall’esplosione di un amore per una persona o un tramonto; la musica nasce insieme al sentimento e alla capacità che hanno i musicisti di interpretare un testo e costruire un’armonia.

I testi, invece, fanno riferimenti a tematiche universali, quasi archetipiche. Da dove nasce l’esigenza di cantare certe cose?

Nasce senza un perché, senza un se, senza un ma; semplicemente nasce e non saprei dirti se è un’esigenza dell’inconscio; riesco solo dire che è un’emozione fortissima.

Immaginiamo che la Mamo’s Band dal vivo dia il meglio di sé. Avete in progetto un tour?

È vero dal vivo diamo tantissimo; ma anche in fase di registrazione non ci risparmiamo. Tecnicamente chi ascolterà il CD e ci verrà a sentire non troverà differenze di sonorità; questo non è una cosa scontata. Stiamo già pensando alle prossime iniziative, anche e soprattutto  benefiche. È ancora tutto in essere e vi faremo sapere presto.

LEGGI QUI L’ARTICOLO ORIGINALE SUL SITO DEL MEI – MEETING DELLE ETICHETTE INDIPENDENTI.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS 

TAG:
Mamo's Band Marta Scaccabarozzi NewMusicThursday

ultimo aggiornamento: 05-03-2020


Elodie e Marracash, galeotto fu il brano “Margarita”: è nata così la storia tra i due

ITALIAN CHART (Week 04 / 2020): La Municipàl in vetta con Mia Martini e Fabio Cinti. Mara Sattei debutta in TOP 10