E’ morto a Genova Franco Gatti dei Ricchi e Poveri all’età di 80 anni. Ad annunciarlo all’ANSA sono gli stessi Ricchi e Poveri, insieme alla sua famiglia: “È andato via un pezzo della nostra vita. Ciao Franco”, hanno scritto i colleghi del gruppo con cui Franco ha collaborato e da cui da anni si era allontanato dopo la morte del figlio Alessio nel 2013. Gatti aveva lasciato la musica e aveva detto: “I miei colleghi e amici continuano a lavorare. Io mi sono fermato perché non salivo più con gioia sul palco”.

Solo nel 2020 a Sanremo i Ricchi e Poveri erano saliti sul palco dell’Ariston per una reunion del quartetto e grazie alla volontà di Amadeus, direttore artistico della kermesse, che li aveva voluti fortemente di nuovo assieme. L’ultima apparizione televisiva di Gatti risale a giugno quando aveva parlato insieme alla moglie Stefania del dolore per la morte improvvisa del figlio nel 18 febbraio del 2013.

Alessio Gatti, figlio 23enne di Franco Gatti, infatti, fu trovato morto nella sua abitazione di via Capolungo a Nervi, nel levante di Genova. Proprio per quella sera era in programma un’esibizione dei Ricchi e Poveri nel corso della seconda serata del Festival di Sanremo, in cui Franco Gatti sarebbe tornato a cantare sul palco del Teatro Ariston assieme a Angelo Sotgiu e Angela Brambati.

Nel 2019, a ‘Vieni con me’, aveva spiegato così la morte del figlio: “Mio figlio beveva, beveva e beveva. Ed è stata anche un po’ la sua disgrazia”. Lo storico componente dei Ricchi e Poveri ha raccontato le circostanze che hanno portato alla morte del figlio Alessio, ossia una “prima assunzione” di un cocktail di alcool e eroina, come certificato dagli esami voluti dalla Procura di Genova e compiuti dall’Istituto di Medicina legale, che gli ha procurato un infarto fatale. Franco Gatti ha detto: “Ha fatto una caz*ata, la prima della sua vita, con gli stupefacenti e in un momento in cui non stava bene. E l’ha pagata così”.

I RICCHI E POVERI, CHI SONO E COME SI SONO FORMATI 

I Ricchi e Poveri sono un gruppo musicale italiano nato a Genova nel 1967. Dopo i Pooh, sono il secondo gruppo italiano per vendite.

Il gruppo, poi ridottosi a un trio e successivamente a un duo, è nato come un quartetto polifonico, formato da due voci femminili e due voci maschili. I membri originari sono Angela Brambati, Marina Occhiena, Angelo Sotgiu e proprio Franco Gatti.

Negli anni Settanta e Ottanta diversi loro singoli hanno raggiunto la vetta delle classifiche italiane (e non solo). Tra i loro maggiori successi è possibile citare ‘La prima cosa bella’, ‘Che sarà’, ‘Sarà perché ti amo’, ‘Mamma Maria’ e ‘Se mi innamoro’, con cui i Ricchi e Poveri hanno vinto il Festival di Sanremo nel 1985.

Sono state 12 le partecipazioni dei Ricchi e Poveri al Festival di Sanremo. Nel 1978 hanno anche rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest.

Nel 2016, i Ricchi e Poveri, attraverso una nota, avevano comunicato l’uscita dal gruppo di Franco Gatti: “Continuiamo a percorrere la strada nella musica senza Franco Gatti che, in totale armonia con il resto del gruppo, ha deciso di fermarsi. Ringraziamo Franco per la professionalità e l’amicizia dimostrata in quasi cinquant’anni di vita artistica insieme. Noi restiamo sul palco perché questa è la nostra vita”, avevano scritto Angela Brambati e Angelo Sotgiu.

Crediti Foto ricchiepoverifangroup/Instagram


Australia, ecco il lavoro dei sogni: 2800€ al mese per viaggiare in camper

I Pinguini Tattici Nucleari a San Siro sono lo specchio del tempo che corre