Madame è una fuoriclasse assoluta. E se ancora qualcuno dovesse nutrire dubbi, magari accecato da quella sindrome del riccardone per cui l’unica musica buona è quella con le chitarre distorte o comunque quella che si ascoltava nella loro gioventù, il consiglio spassionato è quello di accaparrarsi un biglietto per uno dei prossimi concerti dell’artista vicentina ed entrare nel suo mondo. Fatto di canzoni e di un rapporto simbiotico con il pubblico, al quale Francesca si racconta e al quale chiede di raccontarsi nel “confessionale”. Senza filtri, senza giudizi e timore di venire giudicati, nella piena libertà di essere solo ed unicamente sé stessi. Di sentirsi a casa e fra gli amici pur essendo circondati da tanti sconosciuti uniti soltanto dal filo rosso lungo cui corrono i successi che hanno reso Madame dapprima la next best thing della musica italiana quindi una delle più apprezzate realtà della scena.

Francesca Calearo è nata per cantare e per stare su un palco. E su quello dell’Alcatraz, dove ha fatto tappa per la terza volta dopo i due sold out di inizio maggio, lo ha dimostrato. Pochi fronzoli, scenografia ridotta all’osso, una band di grande talento con batteria, basso, tastiere e dj, una smisurata presenza scenica, la perfetta esemplificazione del concetto di “animale da palcoscenico”. Un’ora e un quarto di show, pescando a piene mani tanto dal sul album omonimo quanto fra i tanti singoli e featuring a cui ha preso parte. Nel corso della serata allora ecco fare la loro comparsa “virtuale” Marracash (“L’anima”), Fabri Fibra (“Il mio amico”) e Marco Mengoni (“Mi fiderò”). E poi i grandi successi, da “Sciccherie” – cantata in una versione molto intima – alla sanremese “Voce” passando dall’ultima hit “L’eccezione”. Prima del gran finale con “Marea” a far saltare e ballare tutto l’Alcatraz, sprigionando quella voglia di far festa e divertirsi che due anni di buio sembravano aver sepolto sotto la cenere.

La dimostrazione perfetta e lampante che quel “sto bene in un album pop come in un album rap” cantato in “Mira” nell’ultimo disco di Ensi risponde perfettamente a verità. Madame si muove infatti con grande disinvoltura fra tanti generi e linguaggi, con il piglio di una veterana al punto che a volte riesce quasi difficile entrare nell’ordine di idee di trovarsi di fronte a una ragazza di vent’anni. Ma se si chiamano fuoriclasse, un motivo ci deve pur essere.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Shutterstock

TAG:
Artisti del Veneto Cantanti Gay Concerti 2022 Marea Vicenza

ultimo aggiornamento: 13-05-2022


Due notti in città all’insegna del grande jazz: Fabrizio Bosso & Friends

Lo Stato Sociale festeggia i 10 anni di “Turisti della democrazia” con un concerto speciale al MiAmi di Milano