Per gli OA PLUS MUSIC AWARDS 2020, i premi per la miglior musica del 2020, scopriamo la TOP 10 “Best Duet/Feat”, ovvero la classifica dei migliori duetti e collaborazioni di questo 2020, scelti accuratamente dalla Redazione di OA Plus.

#10 Generic Animal feat. Massimo Pericolo – Scherzo 

Apre la classifica la coppia formata dai rapper Generic Animal e Massimo Pericolo con il malinconico “Scherzo“, singolo uscito lo scorso febbraio per La Tempesta Dischi e Universal Music Italia.

#9 Ghemon feat. Malika Ayane – Inguaribile e romantico 

Ghemon, dopo aver inserito la canzone in versione solista nell’album “Scritto nelle stelle” (pubblicato ad aprile), fa diventare “Inguaribile e romantico” un singolo incantevole con la preziosa partecipazione di Malika Ayane, che vola su questa sofisticata e romantica ballata soul.

#8 Gulino feat. Matthew S & La Rappresentante di Lista  – Lasciarsi insieme 

Il frontman dei Marta sui Tubi, Gulino, ha pubblicato a marzo “Urlo gigante” (Woodworm), un album da solista che contiene questa chicca potentissima: “Lasciarsi insieme“, con Matthew SLa Rappresentante Di Lista.

#7 Manupuma + Arisa – Nucleare 

Al settimo posto un duo tutto al femminile formato dalla cantautrice Manupuma e da Arisa, insieme hanno cantato sulle note di “Nucleare“, canzone composta proprio da Manupuma, a favore della Fondazione Francesca Rava per il progetto Maternità Covid.

#6 Venerus feat Mace – Canzone per un amico 

Sesto posto per due personalità folli e intriganti, quelle del cantautore Venerus (Andrea Venerus) e del produttore MACE (Simone Benussi) che collaborano nel singolo “Canzone per un amico“, uscito il 23 aprile 2020 per Asian Fake. Il brano è scritto dallo stesso Venerus e prodotto da entrambi.

#5 Colapesce Dimartino feat. Carmen Consoli – Luna araba 

Trio siciliano alla posizione #5, ovvero il duo ColapesceDimartino insieme alla cantantessa Carmen Consoli, per il singolo estivo “Luna araba“, tratto dall’album capolavoro del duo, “I Mortali“.

#4 Mahmood, Massimo Pericolo – Moonlight popolare

Ritorna con un bis in quarta posizione Massimo Pericolo (dopo la posizione #10), questa volta accompagnato da uno dei cantanti più forti degli ultimi anni, Mahmood. Insieme hanno creato “Moonlight popolare“, di cui firmano il testo, mentre la musica e la produzione sono di Francesco Barbaglia (Crookers).

#3 Andrea Dessì feat. Mietta – Mi perdido amor 

Al gradino più basso del podio la collaborazione latin-jazz tra il chitarrista bolognese Andrea Dessì e la voce magnetica della cantante pugliese Mietta. Il brano “Mi perdido amor” è ricco di sfumature anche grazie alla collaborazione del fisarmonicista Massimo Tagliata.

#2 Pino Marino feat. Tosca – Roma bella 

Al secondo posto il duetto romano (e romanesco) del cantautore Pino Marino con la preziosa Tosca. “Roma bella” è una dedica appassionata e delicata alla capitale, una di quelle canzoni che sanno arrivare nell’intimità più profonda, con una bellissima citazione dell’opera di Puccini, omonima della cantante.

#1 Francesco Bianconi feat. Rufus Wainwright – Andante

Sul podio una collaborazione internazionale tra due artisti molto apprezzati dalla nostra redazione: Francesco Bianconi e Rufus Wainwright. Il leader dei Baustelle incontra il cantautore e compositore americano, in “Andante“,  un raffinatissimo componimento poetico classicheggiante, scritto dal geniale Enrico Gabrielli insieme allo stesso Bianconi.

Gli appuntamenti con gli OA PLUS MUSIC AWARDS 2020 continuano con le categorie: Best Revelation / Best Ex Talent / Best International Song / Best Italian Song / Best Songwriter / Best International Album / Best Italian Album / Best Diva / Best Jazz Artist / Best Debut / Best Rap-Trap Artist / Best Band / Best International Cover / Best Italian Cover.

Clicca qui per mettere “Mi piace” al BLOG HIT NON HIT

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS


Giorgia torna al Festival di Sanremo come ospite? I precedenti della romana sul palco dell’Ariston

Premio De André: scopriamo La Saux